comscore
Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:29 METEO:FIRENZE10°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
domenica 24 gennaio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Sileri: «Piano vaccini in ritardo di 6-8 settimane»

Attualità lunedì 29 aprile 2019 ore 13:40

"La sfida è tra Nardella e Punto e a Capo"

Graziano Cioni

Il capolista di Punto e a Capo Graziano Cioni a gamba tesa sulla corsa a Palazzo Vecchio. "Bocci ha già perso a non partecipare al 25 Aprile"



FIRENZE — Nuovo intervento di Graziano Cioni, capolista di "Punto e a Capo", la lista a sostegno del candidato sindaco Mustafa Watte alle prossime elezioni comunali. Stavolta a dare il là sono le celebrazioni del 25 Aprile che nei giorni scorsi hanno sollevato polemiche e discussioni che si sono intrecciate inevitabilmente con la campagna elettorale ormai iniziata. 

"Bocci è candidato come "vuoto a perdere" ,su alcuni episodi della lotta partigiana si può discutere, ma sulla festa della Liberazione che segna la sconfitta del nazifascismo e l'affermazione di una conquistata Libertà, non ci sono ne ci possono essere discussioni, soprattutto a Firenze che con il sangue dei suoi figli si conquistò la Medaglia D'oro al Valore Militare - scrive Cioni - Nella nostra Città combatterono formazioni partigiane di varie appartenenze (Pci-Psi- Psdi -Dc-Pli-Pri e autonomi della Brigata "V"). Il rifiuto Salviniano di Ubaldo Bocci di partecipare alle celebrazioni del 25 Aprile è il suicidio della sua candidatura, che viene prima delle innumerevoli gaffe che si ripetono ogni volta che apre bocca".

Da qui la conclusione di Cioni: "Il ballottaggio può esser fra Nardella e Punto e a Capo. Nardella iperattivo in questi mesi di campagna elettorale anticipata, si presenta con un bilancio di luci e ombre. Sul ruolo di Sindaco dell'area metropolitana stendiamo un velo pietoso al quale non c'è niente da aggiungere se non che ha fatto rimpiangere i tempi dell'Amministrazione Provinciale. E' mancata completamente una politica metropolitana che avrebbe portato benefici a Firenze e ai comuni che ne fanno parte. Non è possibile dimenticare che si vantava di essere il renziano più renziano d'Italia, non una parola su le leggi illiberali , scuola, lavoro fino al voto favorevole alla fortunatamente fallita riforma Costituzionale. Non è riuscito a smarcarsi dal ruolo di "attendente", e anche con la benedizione renziana ricevuta di recente il Palazzo Vecchio riparte con il piede sbagliato. Non ha votato nemmeno Zingaretti stringendosi all'ineffabile Orfini... Bene sulla tranvia recuperando i ritardi del suo predecessore Renzi, ma fermo sul necessario nuovo piano della mobilità urbana per uscire dal persistente caos. Inadeguato sui problemi della sicurezza e il rispetto della legalità. Sicuramente non ha cercato di applicare e forse non lo ha mai letto il regolamento di polizia municipale del 2007.

"Il sociale - aggiunge ancora Cioni - primo dei problemi (disabili-giovani-disoccupati-anziani-poveri,famiglie in difficoltà) è stato ed è il grande assente nella sua politica. Sulle grandi opere siamo ancora al nulla, solo un fiume di parole. Punto e a Capo unica VERA lista civica, portatrice di un programma di cose FATTIBILI e CONCRETE, di una squadra di persone che sono un misto di conoscenza , competenza , esperienza e soprattutto amore per Firenze chiede il voto ai fiorentini non per fare testimonianza ma per governare FIRENZE". 



Tag
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

CORONAVIRUS

Cronaca

Attualità