Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 12:39 METEO:FIRENZE13°23°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
giovedì 23 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Trento, fischi e striscioni degli ambientalisti contro Salvini. Il ministro: «Voi volete le auto elettriche prodotte in Cina dove bruciano il carbone»

Attualità mercoledì 12 giugno 2019 ore 15:34

Compra smartphone con carte clonate

Gli agenti Polfer hanno fermato a Santa Maria Novella un uomo che aveva escogitato un sistema per acquistare costosi telefoni usando documenti falsi



FIRENZE — Nel pomeriggio di ieri la Polizia Ferroviaria di Santa Maria Novella ha arrestato un cittadino italiano di 39 anni che ha acquistato costosi smartphone con documenti falsi e carte di credito clonate. Il metodo utilizzato avrebbe permesso al fermato di volatizzarsi prima che i veri possessori delle carte potessero ricevere l'addebito dell'acquisto effettuato a loro nome.

L'uomo è stato fermato dagli agenti in via Alamanni e al momento dovrà rispondere di possesso di documenti di identificazione falsi validi per l’espatrio, sostituzione di persona e uso fraudolento di carte di credito.

Il soggetto, già noto alle forze di polizia, è stato notato dai poliziotti mentre girava in strada con una busta di un negozio di telefonia. Durante il controllo ha esibito una carta di identità Italiana valida per l’espatrio ma, nell’estrarla gli agenti hanno visto all’interno del suo borsello un secondo documento. Entrambi abbinati ad altrettante carte di credito clonate.

Secondo quanto ricostruito dagli investigatori "il 39enne, aveva acquistato poco prima 3 smartphone di ultima generazione per un totale di 3.300 euro; dopo essersi presentato con una carta di identità contraffatta con sopra la sua foto e pagato una caparra in contanti, si sarebbe fatto accreditare sulla carta di credito clonata la rateizzazione degli smartphone. In questo modo la vittima della clonazione della carta avrebbe potuto anche ricevere l’eventuale allert dell’indebito utilizzo del suo strumento di pagamento nel mese successivo, ovvero con il primo addebito, tale circostanza avrebbe peraltro permesso al fermato di continuare ad agire indisturbato".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno