Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:16 METEO:FIRENZE18°34°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
venerdì 18 giugno 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Il ct della Russia «sfida» Ronaldo: stappa la Coca Cola e la beve in conferenza stampa

Attualità lunedì 16 novembre 2015 ore 12:05

Sicurezza, la difficile situazione del Torregalli

La denuncia della Fp Cisl di Firenze e Prato: aggressioni, furti, insicurezza. Secondo il sindacato, questo è quello che vivono i medici dell’ospedale



FIRENZE — "Le aggressioni sono ormai la seconda causa di infortunio per i lavoratori. Furti e una carenza di sicurezza diffusa e crescente". E’ la situazione denunciata dalla Cisl, non per qualche zona malfamata della città ma per l’ospedale San Giovanni di Dio di Torregalli, a Firenze.

“I casi di aggressioni ai lavoratori sono ormai la seconda causa di infortuni in azienda – dice Andrea Ferrini, della Funzione Pubblica Cisl di Firenze e Prato - e sono sicuramente sottostimati, perché vengono registrati solo quando qualcuno finisce in pronto soccorso. A testimonianza di una situazione grave, che richiede interventi, ma di fronte alla quale i responsabili della struttura non sono finora andati oltre rassicurazioni generiche.”

“Negli ultimi tre anni – racconta Alfredo Mazzarella, della Fp-Cisl, coordinatore Rsu della Asl 10, che a Torregalli lavora - siamo stati testimoni di tante situazioni incresciose, individui che hanno rubato i computer per procurarsi le dosi, ubriachi che giravano per i corridoi dell’ospedale con sigarette accese e alcool in mano senza che nessuno li fermasse e con il portiere che ci avvertiva di restare all’interno dei reparti per non fare brutti incontri, nomadi che hanno rubato negli armadietti degli operatori e nei reparti; tutto grazie al fatto che le porte di molti reparti hanno il citofono fuori uso e quindi non possono essere chiuse. Ciò ci lascia alla mercè di chiunque voglia entrare, anche nelle ore adibite a svolgere le attività di reparto.” 

Il problema riguarda soprattutto i reparti di "Medicina", dove, raccontano i delegati Fp-Cisl, "non sono stati installati i pannelli con il codice di sicurezza per l’apertura delle porte, come invece, ad esempio, nei reparti di pronto soccorso, rianimazione, dialisi". 

I vecchi citofoni non funzionano più e le porte non possono quindi essere chiuse. “E noi - aggiunge Mazzarella – non possiamo stare sempre di guardia sulla porta per controllare chi entra.” Una situazione che è peggiorata progressivamente “anche perché – denuncia Ferrini – tra le persone il rispetto delle regole è sempre più un optional. Da tempo e ripetutamente abbiamo segnalato la situazione ai responsabili della struttura e della Asl, ricevendo rassicurazioni e disponibilità. Ma ad oggi niente è stato fatto. Per questo siamo costretti a denunciare anche all’opinione pubblica una situazione non più accettabile, ribadendo la richiesta a chi è legittimato a farlo ad intervenire, per evitare che venga messa a rischio la sicurezza dei lavoratori e degli utenti stessi.”

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il caso finisce in Consiglio comunale. "Troppi tavolini e pochi posti auto" hanno denunciato i consiglieri comunali Antonella Bundu e Dmitrij Palagi
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Cronaca

Attualità