QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
FIRENZE
Oggi 19°31° 
Domani 19°31° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
lunedì 19 agosto 2019

Attualità lunedì 16 novembre 2015 ore 12:05

Sicurezza, la difficile situazione del Torregalli

La denuncia della Fp Cisl di Firenze e Prato: aggressioni, furti, insicurezza. Secondo il sindacato, questo è quello che vivono i medici dell’ospedale



FIRENZE — "Le aggressioni sono ormai la seconda causa di infortunio per i lavoratori. Furti e una carenza di sicurezza diffusa e crescente". E’ la situazione denunciata dalla Cisl, non per qualche zona malfamata della città ma per l’ospedale San Giovanni di Dio di Torregalli, a Firenze.

“I casi di aggressioni ai lavoratori sono ormai la seconda causa di infortuni in azienda – dice Andrea Ferrini, della Funzione Pubblica Cisl di Firenze e Prato - e sono sicuramente sottostimati, perché vengono registrati solo quando qualcuno finisce in pronto soccorso. A testimonianza di una situazione grave, che richiede interventi, ma di fronte alla quale i responsabili della struttura non sono finora andati oltre rassicurazioni generiche.”

“Negli ultimi tre anni – racconta Alfredo Mazzarella, della Fp-Cisl, coordinatore Rsu della Asl 10, che a Torregalli lavora - siamo stati testimoni di tante situazioni incresciose, individui che hanno rubato i computer per procurarsi le dosi, ubriachi che giravano per i corridoi dell’ospedale con sigarette accese e alcool in mano senza che nessuno li fermasse e con il portiere che ci avvertiva di restare all’interno dei reparti per non fare brutti incontri, nomadi che hanno rubato negli armadietti degli operatori e nei reparti; tutto grazie al fatto che le porte di molti reparti hanno il citofono fuori uso e quindi non possono essere chiuse. Ciò ci lascia alla mercè di chiunque voglia entrare, anche nelle ore adibite a svolgere le attività di reparto.” 

Il problema riguarda soprattutto i reparti di "Medicina", dove, raccontano i delegati Fp-Cisl, "non sono stati installati i pannelli con il codice di sicurezza per l’apertura delle porte, come invece, ad esempio, nei reparti di pronto soccorso, rianimazione, dialisi". 

I vecchi citofoni non funzionano più e le porte non possono quindi essere chiuse. “E noi - aggiunge Mazzarella – non possiamo stare sempre di guardia sulla porta per controllare chi entra.” Una situazione che è peggiorata progressivamente “anche perché – denuncia Ferrini – tra le persone il rispetto delle regole è sempre più un optional. Da tempo e ripetutamente abbiamo segnalato la situazione ai responsabili della struttura e della Asl, ricevendo rassicurazioni e disponibilità. Ma ad oggi niente è stato fatto. Per questo siamo costretti a denunciare anche all’opinione pubblica una situazione non più accettabile, ribadendo la richiesta a chi è legittimato a farlo ad intervenire, per evitare che venga messa a rischio la sicurezza dei lavoratori e degli utenti stessi.”



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Attualità