Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 13:00 METEO:FIRENZE12°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
domenica 05 dicembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Cassano a Bobo Tv: «Ronaldo mi ha scritto di portargli rispetto. Stai sereno...»

Cronaca martedì 08 settembre 2020 ore 12:26

Sgominata la banda specializzata in cocaina

I finanzieri hanno ricostruito l'organigramma della banda che aveva creato una organizzazione articolata per poter gestire varie basi in città



FIRENZE — Alle prime ore dell’alba i militari della Guardia di Finanza di Firenze hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di 8 persone di origine marocchina per associazione a delinquere per acquisto, importazione e illecita detenzione di 10 chilogrammi di cocaina pura, pari ad almeno 20.000 dosi per un valore sul mercato di più di 1 milione di euro.

L’ordinanza di carcerazione afferma che “l’associazione è indiscutibilmente strutturata ed organizzata in modo stabile e permanente con la disponibilità di abitazioni, automezzi, dispositivi telefonici, distinzioni di ruoli operativi, intercambiabilità tra i sodali, supporto ai sodali in caso di arresto, tutto ciò a piena conferma che esiste un accordo indeterminato a commettere più delitti che di per sé concreta il reato associativo”.

L’ordinanza è stata richiesta dalla Direzione Distrettuale Antimafia della Procura della Repubblica di Firenze nell’ambito di una complessa indagine condotta tra il 2019 e il 2020. L’attività è nata dall'arresto a giugno del 2019, di uno degli associati - ora latitante per essere evaso dagli arresti domiciliari rompendo il braccialetto elettronico, con la complicità del capo dell’associazione - trovato all’epoca in possesso di più di 1 chilogrammo di cocaina. Le attività investigative hanno permesso di individuare la struttura gerarchica interna dell’associazione, e di localizzare garage, abitazioni, ma anche aree di parcheggi, sottoterra in luoghi pubblici, adibite allo stoccaggio della merce e al confezionamento delle dosi.

In particolare, il promotore e direttore dell’organizzazione - che aveva un suo cugino come braccio destro - si occupava di mantenere i contatti con i fornitori, di ricevere le richieste degli acquirenti, di contabilizzare i pagamenti, di remunerare i collaboratori addetti alle vendite; provvedeva altresì a pagare le spese di vitto, alloggio e quelle legali dei venditori, mentre i suoi 4 fratelli si occupavano della vendita della sostanza ai singoli pusher e ad altri 2 soggetti, anch’essi tra loro fratelli, unici ad avere un lavoro regolare presso ditte di lavorazioni meccaniche e autofficina e incaricati delle funzioni di cassieri e custodi del denaro. 

Le fiamme gialle hanno ricostruito la rete di altri spacciatori, anch’essi per lo più di origine marocchina o albanese, delle varie zone della città, che a loro volta creavano delle singole piazze di spaccio. Inoltre, grazie ai filmati delle telecamere installate all’interno di una autovettura, in regola con la revisione, il bollo e l’assicurazione, ma utilizzata solo come deposito di droga e denaro e mai spostata, è stato possibile individuare il meccanismo di apertura di un doppio fondo collocato sul cruscotto tra il lato guida e quello del passeggero, in cui venivano nascosti i panetti, da circa 1 chilogrammo di cocaina, previo frazionamento degli stessi, sì da ripartirli in più parti all’interno della cavità nascosta.

Sei degli otto associati, pur non risultando percettori di reddito derivante da lavoro o da altra fonte lecita, conducevano una vita agiata, disponendo in Italia di 3 abitazioni in affitto, 3 auto di grossa cilindrata e 4 scooter.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Quelle confezioni alimentari erano proprio anomale. E infatti anomalo si è rivelato anche il loro contenuto: hashish e denaro contante
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Marco Celati

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Attualità

Attualità