QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
FIRENZE
Oggi 14° 
Domani 11°14° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
sabato 29 febbraio 2020

Attualità martedì 17 dicembre 2019 ore 16:59

Sempre più giovani i consumatori di droga in città

Per la Prefettura è in atto "una recrudescenza dell’uso di sostanze stupefacenti, specie tra i giovani e giovanissimi, e dei reati connessi"



FIRENZE — Un check preciso sull'andamento dello spaccio di droga in città, dati alla mano, per delineare le misure che ogni soggetto può adottare, nell’ambito della propria competenza, ma da inserire in uno scenario di strategia condivisa, che sia “un gioco di squadra corale - così lo ha definito il prefetto Laura Lega - che porti non ad una semplice addizione degli interventi, ma ad una loro positiva moltiplicazione”. Il “Tavolo permanente per la prevenzione e il contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti” che si è costituito oggi per la prima volta a Palazzo Medici Riccardi. 

I dati del Nucleo Operativo Tossicodipendenze della Prefettura a cui vengono segnalate dalle forze di polizia le persone, maggiorenni e minorenni, trovate in possesso di droga sarebbero inequivocabili: nel 2018 sono state 1549 le segnalazioni, di cui il 77% per detenzione di hashish e marijuana, il 14% per cocaina, il 7% per eroina. In calo l'età in cui i ragazzi iniziano a consumare droga.

Il prefetto ha voluto riunire in un organismo innovativo nel suo genere tutti i protagonisti che operano su questo fronte: i vertici delle Magistrature e delle Forze dell’Ordine, la Città Metropolitana, i Comuni dell’area metropolitana più interessati dal fenomeno (Firenze, Campi Bisenzio, Empoli, Figline e Incisa Valdarno, Scandicci e Sesto Fiorentino), l’Ufficio Scolastico Provinciale, il Dipartimento di Salute Mentale e Dipendenze dell’Azienda USL Toscana Centro, gli Ordini Professionali dei Medici, dei Farmacisti, degli Assistenti Sociali e la professoressa di Tossicologia Elisabetta Bertol.

Lo scopo è quello di rafforzare prevenzione e contrasto lavorando su più prospettive. Il Tavolo ha evidenziato anche la possibilità di proporre una modifica legislativa dell’attuale disciplina di settore, che risale al 1990, per adattarsi meglio ad un fenomeno che in questi anni ha subito una rapida trasformazione e per rendere più efficace la capacità di risposta e l’effettività della pena. Ma il fenomeno va intercettato anche su altri fronti: emerge infatti dal Tavolo la necessità di un cambio di passo rispetto alla narrazione corrente sulle sostanze stupefacenti.

“Deve crescere la consapevolezza pubblica - ha spiegato Lega - c’è una sorta di acquiescenza su questo tema, come se fosse in atto una banalizzazione del consumo di droga. Soprattutto gli adolescenti non avvertono la percezione di un reale pericolo. Per questo dobbiamo intervenire in maniera diversa sui ragazzi e sulle loro famiglie, trovare quegli elementi che possano catalizzare concretamente la loro attenzione.” Con questo obiettivo verranno studiate modalità nuove per veicolare un messaggio culturale e socio-sanitario in grado di colpire i giovani in maniera più forte sul problema delle dipendenze e dei rischi che comportano per la loro salute. Tenuto conto che si sta abbassando sempre di più la soglia di età del primo consumo di droga, proseguiranno le iniziative nelle scuole portate avanti dal Comitato Scuola Sicura Insieme e la formazione degli insegnanti del biennio delle scuole secondarie di secondo grado previste dal “Patto educativo”, promosso e coordinato dalla Prefettura di Firenze per accrescere l’efficacia dell’intervento formativo dei docenti.

“Ho registrato un generale apprezzamento per l’avvio di questo Tavolo, ha dichiarato infine il prefetto, ho notato un’ottima osmosi che mi fa ritenere che lavoreremo bene insieme. Amplieremo ulteriormente il perimetro dei partecipanti, coinvolgendo l’Università, il mondo dello sport, l’ordine degli psicologi, tutte quelle figure che possono dare una mano su un tema complesso, non di facile soluzione, che richiede la collaborazione di tutti”.



Tag

Zaia: «Grazie all'igiene dei veneti solo 116 positivi, i cinesi? Li abbiamo visti tutti mangiare i topi vivi»

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cultura

Attualità