Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:50 METEO:FIRENZE22°36°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
venerdì 30 luglio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
«È la mia ragazza», il coming out di Lucilla Boari

Attualità giovedì 04 agosto 2016 ore 10:45

Il paesaggio di Leonardo fa ritorno a Vinci

La prima opera datata del grande artista torna per la prima volta nella città d'origine del maestro a cinque secoli dalla scomparsa del genio



FIRENZE — Sarà proprio il 500mo anniversario della morte di Leonardo l'occasione per il rientro dell'opera a Vinci. Si tratta di uno dei disegni più famosi di Leonardo datato 5 agosto 1473.

Il 'Paesaggio' sarà esposto per cinque settimane a Vinci a partire dal 5 agosto 2019. Il suo ritorno è stato concordato dal direttore delle Gallerie degli Uffizi Eike Schmidt, la curatrice del Gabinetto dei Disegni e delle Stampe delle Gallerie degli Uffizi, Marzia Faietti, la direttrice del Museo Leonardiano e della biblioteca Leonardiana di Vinci, Roberta Barsanti, e l’assessore alla Cultura del Comune di Vinci, Paolo Santini.

“Il famoso Paesaggio degli Uffizi – ha detto Schmidt – può considerarsi tra i primi paesaggi autonomi nel disegno occidentale, e costituisce la più precoce testimonianza grafica dell’artista. Con la data vergata in alto a sinistra, il prezioso foglio dichiara la sua appartenenza a una nuova stagione di Leonardo, da poco iscritto alla compagnia dei pittori di Firenze, la Compagnia di San Luca: siamo agli inizi di una maturazione professionale che avrebbe coinciso più o meno con l’avvento di una nuova età dell’oro per la fioritura delle arti a Firenze, preannunciata nel 1469 dalla successione di Lorenzo de’ Medici a Piero di Cosimo".

“Nel 'Paesaggio' – ha aggiunto Marzia Faietti, Curatrice del Gabinetto dei Disegni e delle Stampe delle Gallerie degli Uffizi – Leonardo adottò un tracciato assai diversificato per conseguire una trascrizione insieme naturalistica e astratta del dato di natura. Nel disegnare le forme naturali, l’artista non si lasciò infatti sedurre dalle attrattive di una diligente perizia mimetica; viceversa, abbandonandosi al ritmo fluente della penna, evocò liberamente forme vedute dal vivo, rivisitandole a distanza e a memoria. Tale processo mnemonico si accompagnava al desiderio di richiamare le sensazioni provate a contatto con il paesaggio naturale, colto nell’attimo fugace di un momento della giornata. L’inedito tracciato lineare doveva infatti costruire le immagini della natura ricercando analogie sul piano formale e suscitando particolari percezioni visive e sensoriali”.

“Per Vinci e per il suo territorio sarà un evento epocale - afferma Paolo Santini. Aggiunge Roberta Barsanti - Nessun’altra opera è così simbolica del legame di Leonardo con Vinci e i luoghi circostanti”.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il corpo ormai senza vita rinvenuto la notte scorsa nei pressi degli orti sociali è di un uomo che era privo di documenti. Indaga la polizia
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Lavoro

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità