comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
FIRENZE
Oggi 15°22° 
Domani 13°24° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
mercoledì 27 maggio 2020
corriere tv
Open Arms, Salvini: 'Giustizia è fatta, ho bloccato uno sbarco e aiutato il mio Paese'

Attualità martedì 11 febbraio 2020 ore 17:29

"La rampa per disabili non si può realizzare"

L'ipotesi di creare una rampa per disabili all'ingresso del nuovo plesso didattico è stata valutata dai tecnici dell'amministrazione fiorentina



FIRENZE — "La rampa verticale all’ingresso, per la sua lunghezza e pendenza non si può realizzare" è quanto ha ribadito oggi l'assessorato dopo un sopralluogo tecnico alla Dino Compagni di Firenze. L'ingresso principale della scuola inaugurata il 12 settembre del 2019 torna a far discutere, l'oggetto conteso è la rampa di accesso per disabili che non è stata prevista per l'ingresso principale di una struttura che ha però più accessi sulla strada con altri ausili, come un montacarichi. 

"Lo scorso 30 gennaio i tecnici hanno fatto un sopralluogo, affermando che ci sono criticità da superare, ma la rampa si può fare" hanno sostenuto il capogruppo di Fratelli d'Italia a Palazzo Vecchio Alessandro Draghi insieme al collega al Q2 Simone Sollazzo.
"Il Comune ha il dovere, a fronte dei 12 milioni di euro spesi per realizzare una scuola che doveva essere il fiore all'occhiello dell'amministrazione, di garantire l'accessibilità dall'ingresso principale a tutti. E sfruttare l'ingresso dal retro in via Don Giovanni Verità non può essere una soluzione definitiva e duratura. Sia perché si tratterebbe di una discriminazione nei confronti dei bimbi con disabilità, sia perché il personale ATA per garantirne l'apertura e la chiusura non c'è. Adesso ci aspettiamo che da parte dell'assessore Funaro ci sia una brusca inversione di marcia, e che a breve ci faccia sapere i tempi di realizzazione della rampa che, secondo lei, era impossibile e che invece si può e si deve fare".

L’assessore all’educazione Sara Funaro ha replicato “Con il presidente del Q2 Michele Pierguidi, dal momento che continuavano ad arrivare sollecitazioni in merito, abbiamo richiesto anche un disegno esplicativo di come sarebbe venuta una eventuale rampa nel rispetto delle normative, partendo dal presupposto che la rampa verticale all’ingresso, per la sua lunghezza e pendenza non si può realizzare. Questo disegno evidenzia la complessità della realizzazione della rampa che, per avere la regolamentare pendenza del 5 per cento, dovrebbe avere una lunghezza di 56,95 metri e larghezza di 1,8 metri e non potrebbe comunque consentire il deflusso contemporaneo degli studenti della scuola. Misure che, evidenziano gli uffici tecnici, andrebbero ad impattare in gran parte del giardino e non risolverebbe il problema dell’entrata comune fra tutti i ragazzi per la differenza di percorso”. L'assessore Funaro ha ribadito che "Per garantire l’entrata comune a tutti i ragazzi deve essere aperto anche l’ingresso su via Don Giovanni Verità. Per questo stiamo continuando a chiedere alla scuola di adoperarsi”. 



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Lavoro