comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
FIRENZE
Oggi 17°27° 
Domani 17°25° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
martedì 26 maggio 2020
corriere tv
Coronavirus, Bocelli: «Ho scoperto di essere positivo e mi sono tuffato in piscina»

Attualità giovedì 02 gennaio 2020 ore 12:15

Saldi tra le polemiche, la top ten degli acquisti

Polemiche nei giorni scorsi sui saldi anticipati e l’annuncio da parte dell’assessore regionale Stefano Ciuoffo di una possibile revisione delle date



FIRENZE — Cresce l'attesa in previsione dell’avvio dei saldi invernali, per la Toscana il primo giorno feriale antecedente la festività dell'Epifania. Non sono mancate le polemiche sulla scelta delle date a causa della convergenza tra festività e condizioni climatiche che ha visto spostare l'inverno. In corso in queste ore in città il cambio delle vetrine e dei cartellini con i prezzi. Secondo Confesercenti Firenze il budget di spesa a persona sarà di 180 euro. Lo sconto medio dovrebbe aggirarsi sul 30 per cento durante i 60 giorni di saldo.

Enzo Nigi, Presidente Fismo Confesercenti Firenze e storico operatore del settore ha ricordato che Firenze gode del traino di Pitti Uomo che parte lunedì 7 Gennaio. “Potrebbero essere anche gli ultimi saldi con partenza cosi ravvicinata rispetto al Natale: su questo aspetto l’Assessore Stefano Ciuoffo, con cui ci siamo confrontati più volte, è stato abbastanza esplicito, e noi confidiamo venga trovata, sul posticipo, una soluzione intelligente a livello di Conferenza Stato-Regioni” ha sottolineato Nigi aggiungendo che “si tratta di un evento commerciale che ancora riveste grande importanza per le nostre attività, nonostante le occasioni di vendita promozionale si siano ormai moltiplicate durante l’anno (basti pensare al ‘Black Friday’) e la concorrenza del commercio elettronico si faccia sempre più agguerrita. Anche quest’anno comunque i nostri clienti potranno fare shopping con ampio assortimento e grande varietà della merce, anche perché le vendite di alcuni prodotti sono purtroppo decollate solo con gli ultimi giorni di novembre, in concomitanza con l’arrivo delle prime vere temperature invernali. Il consiglio che possiamo dare dopo tanti anni di attività professionale è uno solo: per i saldi rivolgetevi al vostro commerciante di fiducia, potrete sicuramente trovare le migliori occasioni per il vostro budget di spesa, confrontando, in assoluta trasparenza, i prezzi a saldo con quelli in stagione.”

Nella Top Ten degli acquisti secondo Confesercenti rientrano calzature donna, piumini, cappotti lana e giacconi, calzature uomo, maglieria tra lana e felpe sportive, pantaloni con particolare interesse al velluto, camiceria, borse, accessori abbigliamento quali sciarpe e cappelli, intimo, accessori pelletteria come cinturee  zaini, infine cravatte e foulard.

Secondo il presidente di Confartigianato Imprese Firenze Alessandro Sorani serve una riflessione sulle date di partenza che tenga conto dei profondi mutamenti sociali e climatici che rischiano di causare difficoltà ad una rete di botteghe tradizionali già alle prese con consumi interni poco vivaci. “Le nostre previsioni per questi saldi sono discrete. Si nota un leggero ribasso nella propensione all'acquisto rispetto all'ultimo anno, ma restiamo sempre in territorio positivo per quanto riguarda l'andamento dei consumi nel periodo dei saldi. Il vero problema è la vicinanza estrema della partenza dei saldi con il periodo delle Feste, che di fatto sono ancora in corso, e con il Black Friday che è appena un mese indietro. E' vero che le feste sono un incentivo ai consumi, perché i giovani sono a casa e le famiglie in ferie, ma per gli acquisti ci sposta verso gli Outlet e non verso il centro della città”. Un altro elemento del quale bisogna tenere conto, secondo Sorani, “è l'andamento del clima: dovrebbero essere saldi di fine stagione, in realtà sono diventati saldi di inizio stagione. Questo colpisce soprattutto i commercianti dell'abbigliamento e degli accessori che si ritrovano a svendere prodotti invernali con l'inverno appena iniziato, senza avere avuto il tempo di proporli a prezzo pieno. Per tutti questi motivi, Confartigianato chiede maggiore flessibilità e concertazione per la data di partenza dei saldi”.



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Lavoro