Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 09:55 METEO:FIRENZE10°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
domenica 29 gennaio 2023
Tutti i titoli:
corriere tv
Il ministro Guido Crosetto canta Bella Ciao alla serata con Fiorello per il Bambino Gesù

Attualità giovedì 07 settembre 2017 ore 10:15

Ginori, DoBank non cede sulla vendita del terreno

Fumata nera al tavolo al Mise sull'ipotesi di accordo per la cessione da parte dei liquidatori. Falchi: "Appoggiamo qualsiasi mossa dei lavoratori"



ROMA — Niente da fare. DoBank, una delle banche creditrici della Ginori, all'incontro fissato al ministero per lo Sviluppo economico ha ribadito il proprio no alla cessione dello stabilimento da parte dei liquidatori. Dal canto suo, Richard Ginori ha lanciato l'ultimatum: l'azienda, infatti, ha detto "non essere disponibile a protrarre oltre il 31 dicembre 2017 una situazione di incertezza che si trascina ormai da oltre quattro anni". 

Intanto ministero e istituzioni, ha detto il consigliere per il lavoro del presidente Enrico Rossi, Gianfranco Simoncini, continueranno a impegnarsi per arrivare a una soluzione positiva della vicenda in cui sono in gioco posti di lavoro e un marchio storico come Ginori. per questo, è stato spiegato, saranno attivati rapporti con i massimi vertici aziendali delle banche coinvolte: DoBank, Bnl e Popolare Vicenza ma anche con Unicredit. "Per la Regione - ha detto Enrico Rossi in una nota - la difesa della Richard Ginori è un elemento fondamentale per la salvaguardia di uno dei pilastri storici del patrimonio economico toscano. Mi preme sottolineare come da questa vicenda emergano tutti i problemi derivanti dalla cessione di crediti in sofferenza verso istituti che cercano di trarre il massimo profitto, finanche a tre volte quanto pagato con l'acquisizione, senza tener in nessun conto degli interessi generali del territorio".

Durissimo il commento del sindaco di Sesto Fiorentino Lorenzo Falchi che ha espresso il proprio "sconcerto", per "la piega surreale che sta prendendo la trattativa". La situazione, ha aggiunto, "è gravissima e siamo pronti ad appoggiare qualsiasi iniziativa vorranno intraprendere i lavoratori". 


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
I soccorsi sono scattati in piena notte e sono proseguiti ore, fin prima dell'alba. L'allarme dopo aver sentito le grida con richiesta di aiuto
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Adolfo Santoro

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità