Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:52 METEO:FIRENZE10°13°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
domenica 11 aprile 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
«Raga, se arrivano gli sbirri nessuno scappa», la guerriglia a San Siro

Attualità domenica 28 febbraio 2021 ore 19:00

Ricordando Luca, infermiere degli infermieri

infermiere

L'Ordine delle professioni infermieristiche di Firenze e Pistoia ricorda il giurista-sanitario a un anno dalla sua scomparsa: "Era un Samurai"



FIRENZE / PISTOIA — Ricordando Luca. L'Ordine delle professioni infermieristiche (Opi) di Firenze e Pistoia ricorda il giurista-infermiere Luca Benci a un anno dalla sua scomparsa. "Un anno fa, in questi giorni, stavamo vivendo come conoscenti, amici, colleghi, il suo avvicinamento alla morte. Come un Samurai - scrive l'Ordine interprovinciale in una nota - lo abbiamo visto affrontare con onore, gentilezza, eleganza e determinazione, i suoi ultimi passi in questa vita terrena". 

"Ricordiamo tutti come quei momenti ci videro stretti attorno al pensiero non avremmo avuto più tra noi quel grande uomo che aveva scritto e interpretato il diritto in maniera esemplare ed autentica, facendo di una passione una professione nella professione. Un uomo che si è messo a disposizione di chi tutti i giorni, con professionalità e impegno, assiste le persone bisognose", è il ricordo di un anno fa.

Luca Benci

Luca Benci

Poi ci sono i ricordi di ancor prima, di più anni fa: "Un propulsore, un innovatore, un interprete, un filosofo, un giurista della professione infermieristica: Luca Benci. Luca era tutto questo e anche di più, era un infermiere al servizio dell’infermieristica e dell’infermiere. Come un Samurai serviva il suo Daimyo, lui serviva la sua professione con interpretazioni, saggi, corsi di formazione, consigli personali, per mettere la sua competenza e la sua passione a disposizione di tutti i professionisti: in un certo modo, si può dire, era un infermiere degli infermieri".

"Abbiamo avuto l’onore, prima come Collegio e poi come Ordine, di avere Luca tra le nostre fila". E ancora: "Per lui il tempo era il qui e ora, il tempo della vita era il tempo dell’agire, e la sua parola corrispondeva già all’impegno a realizzare qualcosa. Era un infermiere, un collega, e siamo coscienti che sarà difficile ritrovare ancora la stessa caratura del suo operato schietto, intelligente e raffinato. Buon viaggio Luca, buon viaggio dai colleghi del Consiglio Direttivo, delle Commissioni d’Albo Infermieri e Infermieri Pediatrici e da tutti gli iscritti. Grazie per tutto quello che ci hai insegnato".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Due mamme e un uomo sono finiti in arresto per abusi sulle figlie e diffusione su internet le immagini delle violenze. Le bimbe sono in luoghi sicuri
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Libero Venturi

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Attualità