Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:19 METEO:FIRENZE19°33°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
sabato 19 giugno 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Fiola, l'assurda esultanza al gol contro la Francia: spacca un computer davanti a una donna spaventata

Attualità martedì 29 novembre 2016 ore 15:55

Le opposizioni a fianco degli ambulanti

Movimento 5 Stelle, Lega Nord e Forza Italia hanno espresso solidarietà ai partecipanti alla manifestazione contro la direttiva europea Bolkestein



FIRENZE — La manifestazione degli ambulanti contro la direttiva che impone di mettere a gara le concessioni commerciali su area pubblica ha destato subito un coro di polemiche. 

"Siamo stati tra i primi a prendere posizione contro la direttiva Bolkestein - ha detto Irene Galletti, consigliera regionale del Movimento 5 Stelle - una settimana fa Matteo Renzi ha incontrato la categoria per fare delle proemsse, guarda caso in prossimità del referendum. Una cosa per noi inaccettabile, non ci fermeremo fino a che la categoria non sarà estromessa dalla direttiva". 

Estromissione che da sempre gli ambulanti vogliono e che di nuovo hanno chiesto a gran voce nella manifestazione fiorentina. 

Per il consigliere di Forza Italia Marco Stella è necessario "rinviare al 2020 l'applicazione della Bolkestein, con l'obiettivo di arrivare a un'uniformità dei bandi e soprattutto delle scadenze che attualmente sono diversificate dal 2017 al 2020". Contro la decisione di venti Comuni di pubblicare i bandi prima della decisione del Ministero dello Sviluppo economico di prorogare o meno le concessioni Stella ha poi spiegato che "gli ambulanti non potevano che fare ricorso al Tar. Non si capisce perché questi venti Comuni toscani abbiano voluto anticipare i tempi mettendo a punto i bandi per il rilascio delle nuove licenze".

Al coro si è unito anche Jacopo Alberti, consigliere regionale della Lega Nord. “Possibile che un anziano olandese debba dettare legge nei confronti di migliaia di lavoratori che rischiano seriamente di entrare in crisi, considerato il riordino delle varie concessioni?.” “Chiara e legittima - ha aggiunto Alberti - la preoccupazione di tante famiglie che, quantomeno, chiedono una proroga delle stesse concessioni, per eliminare o perlomeno affrontare al meglio le indubbie criticità del problema”. 

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
L'episodio è avvenuto ai giardini della Fortezza da Basso. A finire denunciato un giovane di 23 anni che è stato sedato e trasportato in ospedale
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità

Attualità