Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:15 METEO:FIRENZE13°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
domenica 28 febbraio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Covid, a Milano folla sui Navigli nell'ultimo weekend in fascia gialla

Attualità lunedì 12 ottobre 2020 ore 12:03

Non convince il tunnel in curva tra tav e tram

Comitati all'attacco del passante ferroviario con il dito puntato soprattutto nei tratti in curva, attorno a via Masaccio e via Don Minzoni



FIRENZE — I Comitati fiorentini sono tornati all'attacco sul progetto del passante ferroviario dell'Alta Velocità puntando il dito sui tratti in curva, come sull'asse Masaccio - Don Minzoni, dove è previsto anche l'interramento della nuova linea del tram.

Tiziano Cardosi dei No Tunnel fiorentini ha spiegato a QUInewsFirenze "Il tratto sul quale richiamiamo attenzione è particolarmente delicato perché il passante che curva in sotterranea dalla sede ferroviaria di Campo di Marte verso viale Don Minzoni attraversa la ex sede del Meyer e l'abitato presso il centro commerciale di via Masaccio fino all'intersezione con Don Minzoni dove al tempo stesso ci sarà la rampa discensionale che porterà il tram verso le Cure e viale dei Mille, e si tratta di andare in profondità di 15 metri per le paratie di contenimento" la zona di attrito tra le infrastrutture preoccupa gli ingegneri del Comitato.

I No tav sottolineano inoltre "la sciagurata decisione di scavare le due gallerie parallele con una sola fresa, scelta autorizzata da un Osservatorio Ambientale dalla poca trasparenza e dalla mancanza di terzietà; agli esperti del settore è noto che procedere con una sola fresa provocherà, allo scavo della seconda galleria, cedimenti superficiali del 50% superiori a quelli previsti se lo scavo fosse realizzato con due frese parallele". Inoltre "Un altro elemento volutamente ignorato è la sottovalutazione dei cedimenti che lo scavo di gallerie provocherebbe, soprattutto nei tratt, in curva, attorno a via delle Ghiacciaie e nella zona Masaccio-Don Minzoni dove i tunnel rasenterebbero gli scavi del sottopasso tranviario".

Il Comitato ha poi citato alcuni casi di scuola "Tra i problemi che questi scavi hanno prodotto anche recentemente: il crollo dell’archivio di stato a Colonia del 2009, il crollo di un intero edificio a Riva di Chiaia a Napoli nel 2013, il “fornello” che inghiottì alcuni olivi nei pressi di Giogoli durante lo scavo della terza corsia dell’autostrada, a Bologna il sottoattraversamento, fu interessato dal crollo di una galleria con una voragine di 15 metri,a Palermo i lavori per il passante ferroviario sono fermi da anni e si potrà terminare la realizzazione del tunnel solo demolendo alcuni edifici".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

CORONAVIRUS