Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:50 METEO:FIRENZE23°30°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
domenica 01 agosto 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Marcell Jacobs e la telefonata inaspettata durante l'intervista: a chiamarlo è Mario Draghi

Attualità venerdì 24 aprile 2020 ore 13:28

"Non ci resta che chiudere o vendere alimentari"

In foto un servizio al bar

Il comparto della somministrazione lancia un allarme per la crisi economica e chiede aiuti per poter sostenere la fase 2 dell'emergenza Covid



FIRENZE — Le imprese del comparto della somministrazione chiedono di poter riaprire il prima possibile ma le regole sono ancora incerte. “Le nostre attività sono al collasso - ha detto Franco Brogi, Presidente Fiepet Confesercenti Firenze – Sono necessarie misure urgenti per dare una speranza di sopravvivenza alle nostre attività che, da sempre, costituiscono un elemento di fondamentale importanza per l’economia del territorio.”

"Le imprese, in questa situazione di assoluta incertezza, non possono continuare a restare immobili ma potrebbero essere costrette a fare scelte drastiche, come chiudere, oppure diventare tutti negozi al dettaglio di generi alimentari" è quanto Fiepet affida ad una nota che raccoglie alcune proposte per la ripartenza tra le quali la deroga agli spazi aperti dedicati ai dehor.

La categoria chiede di "intervenire sulla durata e prolungamento degli ammortizzatori sociali, sui canoni delle locazioni, prevedendo una moratoria finalizzata ad una rinegoziazione e riduzione degli affitti, prevedendo forme agevolative e vantaggiose per i proprietari. Bisogna non solo esonerare ma esentare le imprese dal pagamento dei vari tributi e prevedere un intervento normativo che congeli e poi riduca le bollette. Bar e ristoranti continuano a pagare anche se sono costretti all’inattività. Una beffa ed un onere gravissimo per migliaia di imprese, già ridotte in ginocchio dal lockdown. A queste andrebbero invece dati indennizzi a fondo perduto a compensazione dei costi aziendali comunque sostenuti. Ma contemporaneamente è necessario definire i protocolli sanitari per poter lavorare con norme chiare ed omogenee su tutto il territorio nazionale, e che siano effettivamente praticabili dalle imprese".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Un uomo si è recato insieme con la compagna da un parrucchiere con l'intento di picchiarlo. L'arma da fuoco era legalmente detenuta
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

STOP DEGRADO

Cronaca

Attualità