Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:10 METEO:FIRENZE10°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
venerdì 03 dicembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Davide Giri ucciso a New York, il dottorando italiano è stato accoltellato

Attualità mercoledì 24 novembre 2021 ore 18:55

Meyer in allarme, boom di casi di bronchiolite fra i bimbi

Il Pronto soccorso del Meyer
Il Pronto Soccorso del Meyer

L'infezione da virus sinciziale preoccupa i medici dell'ospedale pediatrico. Solo nel mese di Novembre sono arrivati al pronto soccorso 140 casi



FIRENZE — Solo questo mese all'ospedale pediatrico Meyer i casi di accesso al pronto soccorso per bronchiolite, l'infezione da virus respiratorio sinciziale, sono stati 140. A Novembre 2019 erano stati 24. Il boom di infezioni nei bambini, a carico soprattutto dei lattanti e dei piccoli entro il primo anno di età, preoccupa i medici del Meyer: "Questa escalation di accessi e ricoveri per motivi respiratori sta obbligando l’ospedale a una riorganizzazione delle attività di ricovero programmate", afferma una nota della struttura pediatrica.

Il virus respiratorio sinciziale ha andamento stagionale e di norma la sua comparsa è tra Dicembre e Marzo. Quest'anno ha giocato d'anticipo, iniziando a diffondersi già dallo scorso Ottobre. Così adesso è pieno picco, con aumento importante di accessi in pronto soccorso con attese conseguenti e di ricoveri anche intensivi per motivi respiratori.

Sulle cause un'ipotesi esiste: "È possibile che il drastico cambiamento delle abitudini di vita, la netta riduzione delle occasioni di contatti sociali e l’aumento delle regole igieniche adottate nell’autunno-inverno 2020 abbiano determinato, forse, una ridotta circolazione e immunizzazione lo scorso anno", è la possibilità espressa dal Meyer.

Gli esperti dell'ospedale pediatrico avanzano delle raccomandazioni rivolte specialmente alla tutela di bambini nella fascia 0-2 anni, anche perché il vaccino contro questo virus non esiste. Dunque: evitare di portare i bimbi in ambulatori e ospedali se non strettamente necessario e, qualora lo fosse, tenerli distanti da tutti il più possibile nell'attesa; da scansare anche lughi affollati come supermercati e grandi magazzini, così come il contatto con persone che presentino sintomi respiratori, anche se si tratta di adulti. 

"Negli adulti - spiegano i medici - il virus sinciziale è responsabile anche di semplici raffreddori che invece nei piccoli e piccolissimi possono evolvere in situazioni respiratorie anche severe". La terapia in caso di infezione è "a base di anticorpi monoclonali, ma solo per bambini che presentano fattori di rischio come prematurità, immunodeficienze, patologie polmonari o cardiache. Per la generalità dei bambini l’infezione si risolve perlopiù a casa, ma nei casi gravi richiede il ricovero e ossigenoterapia".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
I fiorentini si erano abituati al servizio di Ataf che permetteva di geolocalizzare le vetture e conoscere in tempo reale il ritardo degli autobus
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità