comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
FIRENZE
Oggi 18°27° 
Domani 18°24° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
martedì 22 settembre 2020
Giani
853.054
 
48.61%
Ceccardi
710.042
 
40.46%
Galletti
112.336
 
6.40%
Vigni
7.582
 
0.43%
Fattori
39.101
 
2.23%
Barzanti
15.861
 
0.90%
Catello
16.813
 
0.96%
corriere tv
Bomba d'acqua ai Castelli Romani, strade come fiumi a Rocca di Papa

Attualità giovedì 28 settembre 2017 ore 14:10

Mancano i consiglieri e il bilancio non si approva

Bufera al Quartiere 1 per la seduta saltata. Forza Italia: "Colpa dei consiglieri Pd assenti". Sguanci: "Con le opposizioni in aula avremmo votato"



FIRENZE — Il risultato della buriana che si è scatenata attorno alla seduta nella sede del Quartiere 1 è che alla fine il bilancio consuntivo non è stato approvato e che ora dovrà essere convocata una nuova seduta. A passare subito in attacco, però, sono state le opposizioni che non hanno risparmiato critiche alla maggioranza per quanto avvenuto. Duro il commento del capogruppo di Forza Italia Alessandro Delfino, intervenuto sulla questione insieme al capogruppo in Palazzo Vecchio Jacopo Cellai e alla consigliera Roberta Pieraccioni. "Il presidente del Quartiere 1 Maurizio Sguanci non sa neppure fare i conti. Convoca la seduta del consiglio per approvare il bilancio consolidato, non si presentano 4 consiglieri PD su 12, viene meno la maggioranza, e lui pretenderebbe che a trarlo d'impiccio fossero le opposizioni... ma Forza Italia dice no, e così la seduta salta. Ora il presidente rimandato in matematica sarà costretto a chiedere una proroga al sindaco per indire un nuovo consiglio". 

Replica praticamente immediata del presidente del Quartiere. “Ieri al Q1 non è stato possibile votare il bilancio consuntivo perché l'opposizione ha fatto mancare il numero legale - ha detto Sguanci - Quanto accaduto ieri è regolare ma scorretto". Per il presidente, infatti, se la minoranza fosse entrata in Consiglio, il numero legale sarebbe stato garantito e si sarebbe potuto "votare l'inserimento delle mozioni che tanto gli stanno a cuore. Non entrando hanno impedito l'una e l'altra cosa. Quindi i responsabili di quanto accaduto sono loro".

E sul metodo ha aggiunto: "Avrei potuto evitare agevolmente il rischio convocando il Consiglio in prima e seconda convocazione ma sono giochetti che non mi appartengono". 



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Politica

Politica

Politica