comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
FIRENZE
Oggi 15°18° 
Domani 16°24° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
venerdì 29 maggio 2020
corriere tv
Brusaferro: «Dati sostengono l'ipotesi di una seconda ondata di Covid»

Attualità lunedì 13 gennaio 2020 ore 14:08

Lo studiolo che ha meravigliato il pubblico

Alberto Angela è tornato a Firenze per scoprire i segreti nascosti dentro Palazzo Vecchio, grandi ascolti per la puntata del week end di Meraviglie



FIRENZE — Un viaggio all'interno di Palazzo Vecchio che ha stregato circa 4 milioni di telespettatori nel week end appena trascorso. Alberto Angela ha portato le telecamere di Meraviglie alla corte dei Medici aprendo porte segrete che sono ogni giorno sotto gli occhi di milioni di visitatori. Sono stati 3 milioni 831 mila i telespettatori (share del 17.6) che hanno scelto di seguire l’affascinante viaggio tra le bellezze architettoniche nel secondo appuntamento con il suo Meraviglie - La penisola dei tesori.

Lo studiolo di Francesco I, l'ambiente intimo ricavato tra le pareti di un palazzo tra i più conosciuti al mondo, rappresenta la voglia di conoscere, la curiosità tipica del Cinquecento, quando la scienza ancora non esisteva.

Lo Studiolo commissionato da Francesco de 'Medici è stato realizzato nel 1570 su progetto dell'architetto e pittore Giorgio Vasari con l'assistenza di Vincenzo Borghini. Faceva parte degli appartamenti privati del duca ed era accessibile solo dalla sua camera da letto, che si trovava sul lato opposto della porta che ora conduce al Salone dei Cinquecento e che non esisteva fino al 19° secolo. La posizione e la struttura dello studio sono tipiche, una caratteristica comune delle corti principesche dal Medioevo in poi ed era generalmente messa da parte non solo per lo studio ma anche per ospitare i più piccoli e preziosi cimeli di famiglia.



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Cronaca