Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:50 METEO:FIRENZE23°30°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
domenica 01 agosto 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Marcell Jacobs e la telefonata inaspettata durante l'intervista: a chiamarlo è Mario Draghi

Attualità giovedì 17 giugno 2021 ore 12:36

Invasione di auto nell'area pedonale

Il caso finisce in Consiglio comunale. "Troppi tavolini e pochi posti auto" hanno denunciato i consiglieri comunali Antonella Bundu e Dmitrij Palagi



FIRENZE — Tavolini al posto delle auto e auto parcheggiate in zona pedonale, è questo lo scenario denunciato dai consiglieri Antonella Bundu e Dmitrij Palagi che portano la questione in Consiglio a Palazzo Vecchio con una interrogazione all'assessore Stefano Giorgetti.

Sul tema era intervenuto nei giorni scorsi anche il Comitato Cittadini per Firenze mostrando le auto parcheggiate nella piazzetta dell'ex carcere che oggi ospita case popolari.

L'immagine scattata da Palagi è ad alto impatto perché piazza Madonna della Neve nel complesso delle Murate, è un fiore all'occhiello della rigenerazione urbana fiorentina e recupero edilizio più volte usato come modello.

"Nel 2017 la Giunta aveva promesso un intervento per risolvere il problema di piazza Madonna della Neve e dell'area pedonale nel complesso dell'ex carcere: la situazione è peggiorata in questi mesi, con la maggiore difficoltà a trovare posti in cui lasciare la macchina" così i consiglieri Dmitrij Palagi, Antonella Bundu.

Fu la consigliera Donella Verdi, di Firenze Riparte a Sinistra, a sollevare il tema dell'area pedonale utilizzata spesso come parcheggio.

"Le foto ricevute in queste settimane evidenziano il rinnovarsi del problema, aggravatosi con l'occupazione straordinaria di suolo pubblico, che ha ridotto i posti auto disponibili in città. La popolazione residente si trova doppiamente penalizzata: da una parte non sa dove lasciare i propri mezzi, dall'altra si vede la pedonalizzazione dell'ex complesso carcerario delle Murate trasformato in un parcheggio, in cui si fa fatica a muoversi anche a piedi".

"Si tratta solo di uno dei molti casi di disagio dovuto al proliferare di tavolini e sedie all'aperto, che avevamo chiesto fossero almeno in parte svincolati dall'obbligo di consumo e destinati prioritariamente a forme nuove dello stare insieme: ci è sempre stato risposto di no, dalle destre come dal Partito Democratico, che in testa hanno la stessa di idea di dover favorire esclusivamente il mercato privato, dimenticandosi la dimensione pubblica della città e i disagi della cittadinanza" hanno concluso.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Un uomo si è recato insieme con la compagna da un parrucchiere con l'intento di picchiarlo. L'arma da fuoco era legalmente detenuta
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

STOP DEGRADO

Cronaca

Attualità