Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:11 METEO:FIRENZE10°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
mercoledì 01 dicembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
L'ultima gara di Federica Pellegrini: primo posto con standing ovation e tuffo con il presidente Malagò

Attualità mercoledì 12 maggio 2021 ore 20:30

Incubo furti, esplode il caso sui raid notturni

Sui social è esplosa una accesa discussione dopo il raid di furti sulle auto in sosta, c'è chi ha auspicato il ritorno ai frontalini estraibili



FIRENZE — Nelle ultime settimane i furti sulle automobili sono aumentati provocando forti reazioni da parte dei residenti. Dopo le segnalazioni di San Jacopino, tra finestrini rotti e specchietti divelti, è stata la zona di Coverciano a svegliarsi con la brutta sorpresa dei finestrini rotti e con le vetture messe a soqquadro, letteralmente sventrate per asportare pannelli elettronici e navigatori.

L'ultimo episodio ha messo in allarme un intero quartiere. Oltre alla segnalazione raccolta dal Comitato Cittadini per Firenze, che ha annunciato un esposto alla questura con una richiesta di incontro sul caso specifico, sono stati i post dei proprietari derubati ad innescare una accesa discussione.

Molti cittadini hanno chiesto maggiore impiego di telecamere ed il pattugliamento delle strade in orario notturno mentre altri hanno invitato a prestare maggiore attenzione ai luoghi in cui parcheggiare le auto lanciando l'idea di redigere una sorta di lista nera delle strade più a rischio ma per farlo occorrerebbe incrociare i dati delle denunce con quelli delle segnalazioni di episodi sospetti.

C'è chi ha auspicato un ritorno al modello "autoradio" anni '70 e '80 che si estraeva dal cruscotto all'uscita dal veicolo e chi ha pensato invece ai frontalini estraibili che hanno caratterizzato le vetture degli anni '90. 

Oggi le strumentazioni di bordo sono integrate nelle autovetture ma seguendo il dibattito emerge che il cambiamento tecnologico non coinciderebbe con un cambiamento della società. I navigatori intelligenti che riconoscono il proprietario ed i monitor che mostrano le fasi di manovra sono soggetti al furto che inizia ancora con la rottura del finestrino. 

A mettere d'accordo gli interventi è il clima di apprensione che ha prodotto maggiore preoccupazione nei residenti che si sono detti spaventati all'idea di lasciare l'auto sulla strada durante la notte.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
A poche ore dal dibattito in Consiglio comunale l'opposizione chiede un tavolo in prefettura per analizzare il fenomeno dei furti sulle auto in sosta
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Attualità