Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:00 METEO:FIRENZE18°29°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
domenica 26 settembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Milano, scontri al corteo No green pass: i manifestanti sfondano il cordone della polizia

Cronaca lunedì 07 giugno 2021 ore 17:30

Inchiesta piscine, tutti assolti anche in appello

La corte di appello ha assolto gli imputati nel processo in cui si ipotizzava la turbativa d'asta nelle gare d'appalto per gestire le piscine comunali



FIRENZE — La corte di appello di Firenze ha confermato la sentenza di assoluzione in primo grado per gli imputati nel processo su una presunta turbativa d'asta nelle gare per la gestione di alcune piscine comunali di Firenze. 

Erano otto gli imputati del processo aperto su due diverse gare di appalto per l'affidamento della gestione delle piscine comunali Paganelli e San Marcellino. Fra loro anche l'ex assessore allo sport di Palazzo Vecchio, Andrea Vannucci, oggi consigliere regionale.

Il sindaco di Firenze, Dario Nardella ha commentato così la sentenza "Sono felice per la conferma dell’assoluzione, in Appello, del mio collaboratore Jacopo Vicini, del mio ex assessore Andrea Vannucci e della mia ex dirigente Elena Toppino e degli altri imputati coinvolti nell’inchiesta “Piscinopoli”. Ho sempre avuto fiducia nella giustizia e ho sempre creduto nella integrità etica e morale di queste persone a cui voglio molto bene. Auguro loro di dimenticare prima possibile la sofferenza che hanno patito".

Erano stati rinviati a giudizio anche tre funzionari e due dipendenti del Comune di Firenze, Elena Toppino, Loris Corti, Jacopo Vicini, Emilio Carletti e Stefano Perla, oltre a due imprenditori, Franco Bonciani e Cipriano Catellacci. La procura generale aveva chiesto un anno di reclusione, riqualificando il reato in quello di abuso d'ufficio.

Il gip aveva interdetto per un anno dall'attività professionale i due dirigenti e i due imprenditori. Nel caso di questi ultimi però la misura era stata successivamente revocata, nel caso di Catellacci per ricorso al Tribunale della libertà e nel caso di Bonciani per decisione dello stesso gip.

In primo grado il giudice aveva assolto tutti e otto gli imputati per insussistenza del fatto.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
L'episodio innescato da una lite per antiche ruggini, poi degenerata. La vittima è rimasta ferita, il suo aggressore è stato denunciato
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Sport

Attualità

CORONAVIRUS