Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:37 METEO:FIRENZE13°19°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
mercoledì 12 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Raid su Gaza distrugge edificio di 12 piani, il momento del crollo

Attualità giovedì 05 marzo 2020 ore 10:38

Il nuovo capolinea alla prova degli autisti

Sopralluogo in questi giorni per gli autisti della Rsu di Ataf presso il nuovo nodo intermodale tra ferro e gomma predisposto alla Fortezza da Basso



FIRENZE — Il nuovo nodo di interscambio per il trasporto pubblico è pronto, l'apertura programmata per domenica 1° marzo è stata poi rinviata al 16 marzo. Sul viale Montelungo, tra la stazione di Santa Maria Novella e la Fortezza da Basso, sono stati spostati i capolinea delle linee extraurbane e di alcune linee del trasporto urbano che andranno ad integrarsi con il trasporto ferroviario. 

In queste ore gli autisti del trasporto locale hanno fatto visita al nuovo capolinea, tra loro il delegato Faisa Cisal della Rsu di Ataf, Massimo Milli, che ha commentato "Si tratta di una novità importante, un segnale forte nell'innovazione della mobilità urbana. Da anni chiediamo di alleggerire il transito dei mezzi alla Stazione di Santa Maria Novella che fin dalla pedonalizzazione del Duomo è risultata gravata da un volume eccessivo di mezzi. I cantieri per la realizzazione del terzo ramo del tram, dopo la T1 Scandicci - Careggi, ora definita T2 verso Novoli ed Aeroporto hanno comportato cambiamenti e disagi e adesso siamo ad una svolta perché il servizio è a regime e si iniziano a vedere gli effetti. La creazione dei nodi di scambio è necessaria e fondamentale, il viale Montelungo è strategicamente connesso con la ferrovia e con la viabilità urbana. Valuteremo la tenuta del sistema a partire dal 16 marzo, perché anche l'anello della Fortezza ha le sue criticità specie nel momento in cui il traffico proveniente da viale Muontelungo si immetterà sul viale Strozzi all'altezza del sottopassaggio, ma il messaggio è chiaro, occorre decentrare i capolinea e garantire il facile trasbordo da un mezzo all'altro con il medesimo titolo di viaggio. Un passo avanti per la serenità degli autisti e dei passeggeri".

Da lunedì 16 marzo l’interscambio avverrà fra modalità di trasporto diverse e senza alcun costo aggiuntivo essendo prevista l’integrazione tariffaria per gli utenti. Il progetto era già previsto nella gara del Lotto Unico Regionale.

Nel nodo di Montelungo, dotato di un hub con biglietterie, è previsto l’interscambio fra bus extraurbani, tram e bus urbani, e da ultimo anche il treno lungo la rampa che porta al binario 16/17 della stazione ferroviaria di Santa Maria Novella solo con biglietto urbano o ferroviario o Pegaso. Al piazzale andranno ad attestarsi le linee extraurbane provenienti dal Mugello e dall’Alto Mugello, dalla Valdisieve, dal Valdarno Fiorentino ed Aretino (corse dal Casentino – Consuma) e dal Chianti (corse provenienti dalla Chiantigiana).
Gli autobus che provengono da viale Spartaco Lavagnini incrociano la tramvia linea 1 prima della Fortezza, alla fermata Strozzi Fallaci, e le linee urbane 20 e 31/32 avranno al piazzale Montelungo il nuovo capolinea. Un ulteriore interscambio con la linea 1 sarà possibile alla fermata Bambini di Beslan.
Con l’attivazione del nodo, agli utenti dell’extraurbano sarà possibile accedere in centro agevolmente, utilizzando la linea tramviaria T1 Careggi - Villa Costanza, nel tratto che va dalla fermata Strozzi Fallaci alla fermata Alamanni; le linee urbane 20 e 31/32 nel tratto Montelungo - Bambini di Beslan - Indipendenza - San Marco.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Paura e rabbia tra i residenti per il raid sulle auto in sosta nel quartiere. Le vetture sono state sventrate per asportare fari e navigatori
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nadio Stronchi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità