Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:30 METEO:FIRENZE20°34°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
venerdì 12 agosto 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Quando Calenda diceva: «Non farò politica con Renzi, l'ho detto 6 mila volte. Mi fa orrore»

Attualità giovedì 23 novembre 2017 ore 15:05

Il corteo dei ricercatori fantasma

Foto Facebook Usb Firenze

Flash mob in piazza della Repubblica per chiedere che il governa metta fine al precariato e aggiunga fondi per finanziare la ricerca



FIRENZE — Sembravano spettri nel limbo i ricercatori di Cnr, Indire, Ispra, Crea e Inaf che stamattina si sono vestiti da fantasmi, mascherina bianca sul volto e camice, per manifestare nel cuore della città: il limbo ha un nome ed è precariato. Un flash mob ancora più spettrale alla luce delle nuvole e della pioggia novembrina. 

La richiesta è quella ormai ripetuta da tempo: mettere fine alla situazione di precarietà di chi lavora o vorrebbe lavorare nella ricerca per stabilizzare i contratti. I ricercatori fantasma hanno chiesto anche l'immissione di una maggiore quota di fondi in legge di bilancio per finanziare il settore. 

Quella messa in scena in piazza della Repubblica è stata una vera rappresentazione: tra gli spettri, infatti, si aggirava un uomo vestito di nero, lo Stato che uccide la ricerca. Macabra allegoria che ora, è l'opinione dei manifestanti, attende una risposta.  


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
L'incendio è divampato a metà mattina innescando l'intervento in forze da parte dei vigili del fuoco con più squadre ed automezzi
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Cronaca