Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:15 METEO:FIRENZE10°12°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
domenica 11 aprile 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Principe Filippo, colpi a salve di cannone in tutto il Regno Unito

Attualità domenica 07 marzo 2021 ore 11:27

Il centro è fermo e anche oggi "Si riapre domani"

Non c'è passaggio, le vendite sono scarse e gli affitti sono diventati insostenibili, la paura di riaprire tiene sotto scacco l'economia locale



FIRENZE — Nel centro storico di Firenze alcuni cartelli affissi sui negozi indicano una riapertura che continua a slittare mentre il nastro adesivo ha formato uno strato di fogli che si sono accavallati nel corso dei mesi e delle settimane. Gennaio 1 è diventato Febbraio 2 e poi Marzo 3. Una attesa snervante.

Qualcuno ha riaperto l'attività riuscendo ad intercettare le uscite del fine settimana ma "dal lunedì al venerdì il passaggio è assente" come continuano a segnalare artigiani e commercianti che faticano a mettere insieme i ricavi per pagare le spese vive.

Era il 10 Marzo del 2020 quando in tutta Italia rimbalzavano le immagini delle botteghe chiuse sul Ponte Vecchio, l’Associazione Ponte Vecchio annunciava "Ci adeguiamo con senso di responsabilità e dovere civico alle indicazioni fornite". A Maggio poi "Riaprire sarebbe inutile senza il passaggio dei turisti" era stato l'amaro verdetto degli orafi davanti alla seconda fase dell'emergenza. La riapertura il 3 di Giugno in vista dell'estate.

Nel 2021 dopo un anno di sacrifici oltre alle utenze a fare paura sono i canoni di affitto diventati gravosi soprattutto per i giovani che avevano investito in attività artigianali o nella piccola ristorazione e nei servizi rivolti al turismo. Una intera generazione di imprenditori senza paracadute che aveva scommesso sulla carta vincente dell'economia locale.

In tanti restano in attesa di capire cosa succederà con la paura di riaprire perché "ogni giorno di apertura equivale ad una spesa" come hanno sottolineato esercenti e commercianti che hanno riaperto le porte ed hanno formato una catena umana per far sentire il disagio dell'intera categoria.

Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Due mamme e un uomo sono finiti in arresto per abusi sulle figlie e diffusione su internet le immagini delle violenze. Le bimbe sono in luoghi sicuri
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Libero Venturi

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Toscani in TV