Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 07:30 METEO:FIRENZE15°30°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
lunedì 17 giugno 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Che senso ha parlare di Matteotti 100 anni dopo?

Attualità martedì 23 agosto 2022 ore 08:09

Idra a Piombino contro il rigassificatore

Gli ecologisti hanno annunciato l'invio delle osservazioni alle procure di Firenze e Livorno e rivolto alcune richieste al Commissario straordinario



FIRENZE — L’associazione fiorentina Idra ha annunciato di voler sottoporre la propria azione di contributo civico al buon governo della spesa pubblica e al rispetto delle norme ad una verifica da parte della magistratura “Riteniamo opportuno sottoporli - assieme alla presente Osservazione - all’attenzione delle Procure della Repubblica di Firenze e di Livorno. Ci domandiamo se anche la Struttura Commissariale abbia provveduto per proprio conto ad effettuare le eventuali opportune verifiche”.

L’associazione ecologista fiorentina sostiene la battaglia in corso davanti all’Isola d’Elba puntando il dito sul percorso partecipativo aperto alla popolazione di Piombino, Follonica e della Val di Cornia in pieno Agosto "con una procedura di comunicazione solo elettronica e senza un solo incontro con la cittadinanza".

Prossimo appuntamento civico, la pubblicazione delle integrazioni che 26 enti e istituzioni hanno richiesto alla proponente Società Snam con copiosi rilievi e motivazioni .

Il 16 Agosto Idra ha scritto al commissario Eugenio Giani “Preso atto dei ritardi attestati nella pubblicazione degli atti, dei vizi di forma che il sindaco di Piombino rileva, delle difficoltà che la popolazione naturalmente registra, la scrivente Associazione richiede che i termini per la presentazione delle Osservazioni e per la convocazione della Conferenza di servizi siano commisurati alle esigenze di piena informazione, trasparenza ed efficienza amministrativa di cui si sono qui elencate le lacune, e dunque che i 30 giorni previsti per la partecipazione costruttiva dei cittadini decorrano quanto meno a partire dalla data di pubblicazione delle integrazioni richieste a Snam”. 

La risposta due giorni dopo La Struttura Commissariale ha formulato richiesta a Snam di rispondere alle richieste di integrazione pervenute degli Enti coinvolti nella Conferenza dei Servizi, entro il termine di 20 giorni a partire dal 10 Agosto stesso. Sulle integrazioni pervenute e pubblicate sarà riaperta una fase partecipativa di congrua durata, di cui sarà data comunicazione mediante avviso sulla pagina del Commissario Straordinario”.

Idra ha sollecitato a ripristinare, per la presentazione delle future osservazioni e altri contributi, lo strumento della posta cartacea ordinaria, decisamente più accessibile a gran parte della popolazione: ovverosia la banale raccomandata AR.

Quella depositata da Idra sabato pomeriggio, 12 cartelle fitte di obiezioni, è solo l’ultima di una ricca collezione di osservazioni che ammontavano a 45 alla vigilia della scadenza del 20 Agosto "E’ del tutto evidente, scrive Idra, che la sola idea di insediare ex novo un impianto e un’attività produttiva a rischio di incidente rilevante(direttive Seveso e decreto 105/2015) - e ciò nonostante dispensato dal procedimento di Valutazione di Impatto Ambientale e dal ricorso rigoroso allo stesso principio di precauzione (Dichiarazione di Rio sull'Ambiente e lo Sviluppo, Rio de Janeiro, 3-14 giugno 1992) - all’interno del bacino portuale della città di Piombino appare temeraria, e anacronistica se parametrata al grado di evoluzione della pianificazione territoriale, e agli obiettivi di sviluppo sostenibile e di lotta ai cambiamenti climatici, sia sotto il profilo locale che sul piano globale”.

Idra ha chiesto che Giani "nel pieno esercizio congiunto delle funzioni ordinarie di responsabile della Giunta regionale e dei poteri straordinari di Commissario governativo, al quale è affidata la competenza esclusiva a rilasciare l’autorizzazione alla realizzazione e all’esercizio dell’opera promuova tramite decreto un’azione normativa speciale di iniziativa della Regione per sottoporre a Valutazione di Impatto Ambientale il progetto così come, del resto, per le cosiddette ‘opere di compensazione’ ha provveduto ad approntare un ‘memorandum Piombino’ in dieci punti


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno