Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:50 METEO:FIRENZE22°35°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
lunedì 26 luglio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Incendi nell'Oristanese, fiamme alte e gente in strada a Porto Alabe: centinaia di evacuati

Arte martedì 28 marzo 2017 ore 15:45

Agli Uffizi i tesori salvati dal terremoto

C'è anche il manoscritto dell'Infinito di Leopardi tra le opere in prestito agli Uffizi che arrivano dalle zone delle Marche devastate dal sisma



FIRENZE — Dipinti, sculture, manufatti d'oreficeria, il manoscritto dell'Infinito del Leopardi e persino campane, in prestito agli Uffizi dalle zone delle Marche devastate dal terremoto: è ''Facciamo presto. Tesori salvati, tesori da salvare'', esposizione al via agli Uffizi nella sala magliabechiana fino al 30 luglio. 

Ad aprire la mostra, un capolavoro della pittura marchigiana del Quattrocento, la pala raffigurante l'Annunciazione e il Cristo in pietà del Museo di Camerino, realizzata da Giovanni Angelo d'Antonio da Bolognola.

Di Cola dell'Amatrice, pittore a lungo residente ad Ascoli Piceno c'è la tavola con la Madonna col Bambino e i santi Vittore, Eustachio, Andrea e Cristanziano del 1514, proveniente dalla chiesa di San Vittore di Ascoli Piceno; Simone de Magistris, artista tra i più significativi della seconda metà del Cinquecento marchigiano, compare in mostra con il Transito di san Martino. 

Presente anche il Tiepolo, con la Visione di San Filippo Neri, dalla chiesa dei Filippini a Camerino. 

Tra i pezzi di oreficeria spicca il Reliquiario donato nel 1587 a Montalto Marche da papa Sisto V. In esposizione anche tre campane recuperate dai crolli dei rispettivi campanili, quelli della chiesa del castello di Carpignano nelle vicinanze di San Severino, della chiesa di San Francesco ad Arquata del Tronto e della Torre Civica della stessa cittadina quasi distrutta dalla scossa del 24 agosto 2016. 

Chiude il percorso il manoscritto autografo della poesia più celebre di Giacomo Leopardi, l'Infinito, in arrivo dal Museo di Visso. 

Di ogni biglietto che verrà acquistato per entrare agli Uffizi nel periodo della mostra verrà destinato 1 euro al risanamento dei danni inferti dal terremoto al patrimonio marchigiano. 

Alla presentazione dell'esposizione, oggi, ha preso parte anche il direttore della galleria degli Uffizi Eike Schmidt.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
L'aggressione a colpi di cocci di bottiglia è stata denunciata alla polizia da parte di due uomini, uno delle quali ha riportato 30 giorni di prognosi
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Libero Venturi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Sport

Cronaca