comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
FIRENZE
Oggi 17°23° 
Domani 18°29° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
domenica 31 maggio 2020
corriere tv
Crew Dragon in volo: con gli astronauti c'è anche un dinosauro di paillettes

Attualità venerdì 13 dicembre 2019 ore 09:52

I Medici in Tv, ecco cosa ne pensano i fiorentini

Il sondaggio di QUInewsFirenze ha riscosso un grande successo di pubblico anche su Facebook dove tanti lettori hanno lasciato la loro breve recensione



FIRENZE — Il sondaggio sulla terza stagione de "I Medici" è stato votato da circa 1500 lettori che a grande maggioranza hanno espresso il loro apprezzamento per l'ultima serie della saga (qui trovate i risultati). Ma gli attori sono piaciuti, la storia ha convinto, le ambientazioni hanno risposto alle aspettative del pubblico di casa?

Tutto ciò che non era possibile esprime con un Si o con un No è stato detto attraverso brevissime recensioni lasciate con i commenti su Facebook. Tra gli elementi sgraditi ai più ci sarebbe la poca affinità linguistica con la Firenze del Rinascimento e l'uso di attori troppo belli rispetto ai ritratti che ci sono pervenuti dei veri protagonisti delle vicende storiche. Anche il rispetto della cronologia è un punto a sfavore, ma per molti telespettatori lo sceneggiato è stato lo spunto per approfondire la storia della città e della famiglia Medici. Tra i punti di forza ci sono i costumi e c'è chi ha apprezzato molto l'interpretazione dei personaggi da parte degli attori. 

Alessandra ha commentato "Ho dormito come per tutte le altre serie. Noiosissima" mentre Elisabetta ha scritto "Bellissima. Il Savonarola inquietante" ed ancora Angela "Bella ma sentir dire papà mi dispiace un s'affronta". Per Fiammetta "Molto bello con attori bravi ma viene fuori un Lorenzo de Medici poco “Magnifico” mentre Patrizia "Bella per gli americani, la storia non fa per loro, riescono a travisare tutto ciò che gli passa per le mani.... e papà è roba che non si può sentire. Se poi la si considera una fiction allora è ben fatta". Carla ha commentato "Non lo guardo. Mi innervosisce il confronto con l'attualità fiorentina. Cosa resta di Firenze?"  mentre per Paola "Troppo romanzata, e i personaggi poco veritieri" secondo Marco "Di Lorenzo de Medici emerge solo il lato peggiore... della sua passioni per l'arte molto poco" per Antonio "Non mi è piaciuta, personaggi lontani dalla realtà "immaginabile" di quel periodo, ricostruzione storica approssimativa".

Per Riccardo poi "Dei Medici che vengono da Boston. Come si fa a proporre un Lorenzo de Medici così? Tutti sanno che era tozzo di statura mediocre ma con gli arti proporzionati, moro quasi scuro, con una voce fioca e sgradevole ma anche con una vivida intelligenza, dimostrata poi nelle vicende Italiane. Capisco le interpretazioni ma qui siamo nel capovolgimento storico, inoltre non si è troppo indugiato sui rapporti tra Lorenzo e la magia, non a caso veniva chiamato gran negromante" ed ancora per Stefania "La cosa migliore è state l'attrice che interpreta Clarice, anche abbastanza somigliante. Per il resto storia molto manipolata e somiglianze non considerate. L'attore non deve essere un sosia ma se il personaggio reale è stato abbastanza brutto non lo puoi far interpretare da un viso d'angelo: cambia anche il senso dell'uomo, l'espressione di un uomo forte con lineamenti forti e non gradevoli si addice di più al suo carattere".

Non è finita. Alessandro ha detto "A me è piaciuta nel complesso anche se ci sono un po' troppe inesattezze, però gli attori hanno recitato bene, forse un po' lenta ma interessante rileggere la vita di Lorenzo in chiave americana" per Franco "Bello. Ma vedere Lorenzo che scrive "tomorrow" ed ancora Cristina "Non molto vicina alla vita reale dei medici. Sono di Firenze... poco reale le scenografie" e per Marco "Bisognerebbe conoscere molto bene no bene la storia per gustarlo di più". Stefano ha commentato "Bella! e finalmente Firenze non è più in cima ad una collina!". Carla ha scritto "Preferisco Pezzi Unici come ambientazione attuale degli artigiani. Adesso anche lo scoppio del carro è all'americana. Esagerata per turisti. Ma quei botti che fanno cadere pezzi del Romanico di cave esaurite? Cosa ci rimettono? Apoteosi di una Firenze che non c'è più. Son droghe per i fiorentini. Che poi faccia cassa come fiction non dubito". A Stefano "No. Mai piaciuta. Troppe inesattezze, troppi luoghi comuni, troppo all'americana. Una brutta fiction" Per Antonino è "Attraente la rievocazione storica e la preparazione degli eventi che seguiranno ma lo trovo un po' lento e poco brillante per lo splendore di quel periodo". Ed ancora per Sergio "Un  po' pesante e molto incentrata sulle relazioni familiari. Costumi e ambientazione ricercati" e per Stefania "Buon lavoro! Mi sarei però più concentrata su aspetti di vita Fiorentina!". 



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità