Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:30 METEO:FIRENZE19°33°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
venerdì 27 maggio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Cos'è la sindrome da long Covid e chi rischia di più?

Attualità lunedì 16 marzo 2020 ore 13:56

"I cantieri edili rischiano lo stop per Covid-19"

L'Associazione Nazionale Costruttori Edili di Firenze ha lanciato l'allarme per la gestione dei cantieri nella fase emergenziale dovuta al coronavirus



FIRENZE — “In molti cantieri, ci troviamo nell'impossibilità di assicurare il rispetto delle misure di sicurezza indispensabili per la tutela della salute dei lavoratori o dotarli degli specifici strumenti di protezione sanitaria” a lanciare un appello per l’edilizia fiorentina è stato Pierluigi Banchetti, presidente dell’Associazione Nazionale Costruttori Edili di Firenze.

“Di fronte a questo critico scenario – ha spiegato Banchetti -, sono indispensabili strumenti che consentano alle imprese, che si trovano di fronte a queste situazioni, di poter affrontare adeguatamente e in maniera appropriata, tutte le problematiche di ordine sanitario, contrattuale, economico e sociale. Il nostro settore ha peculiarità che non possono trovare accoglimento in altri settori merceologici, per questo occorre un provvedimento ad hoc per il settore della edilizia”. "Molti cantieri - aggiunge Banchetti - hanno evidenti difficoltà nel garantire le distanze di sicurezza in diverse lavorazioni, anche differendole temporalmente fra loro, come hanno difficoltà a reperire dispositivi di protezione individuale. In molti casi, siamo impossibilitati ad assicurare servizi di trasporto, vitto e alloggio ai nostri operai per effetto delle chiusure disposte dall’emergenza. Ci sono anche casi di difficoltà di reperimento dei materiali necessari alla produzione dei cantieri e assistiamo a subappaltatori e fornitori che non si presentano in cantiere”. “Anche le amministrazioni territoriali possono fare la loro parte, in aggiunta alle misure che chiediamo, come costruttori, già a livello nazionale - ha aggiunto il presidente di Ance Firenze, Pierluigi Banchetti - Ai comuni chiediamo la proroga di tutti i termini, che riguardano le nostre aziende, per i cantieri che verranno sospesi: dal pagamento degli oneri tributari locali, alla scadenza dei permessi di costruire, dei titoli abilitativi e delle convenzioni edilizie, ai canone di occupazione degli spazi ed aree pubbliche (TOSAP). Per le imprese che necessitano di sospendere i lavori, sarebbe fondamentale la proroga dei termini contrattuali di esecuzione delle opere e l’immediata emissione dello Stato Avanzamento Lavori corrispondente allo stato dell’arte degli stessi, con rapido pagamento delle relative somme e infine la garanzia della non applicazione delle penali e dei danni contrattuali. Nel frattempo, laddove vi siano le condizioni per operare in sicurezza, ben venga che i lavori vadano avanti anche se in mezzo a difficoltà e a complicazioni”.

“E’ una situazione senza precedenti - conclude Banchetti - che, come tale, richiede immediate tutele con l’attuazione di misure straordinarie a sostegno di imprese e lavoratori del settore, affinché all’emergenza sanitaria non si aggiunga un’emergenza economica che rischia di portare l’intero settore al collasso”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La donna è stata investita nei pressi di un attraversamento pedonale. Sul posto sono intervenuti i soccorsi del 118 e la polizia municipale
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità