Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:50 METEO:FIRENZE22°36°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
sabato 24 luglio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Tokyo 2020, la grande festa azzurra alla cerimonia di apertura: il video di Aldo Montano

Attualità venerdì 05 marzo 2021 ore 09:02

Hotel in Costa San Giorgio, superate le 400 firme

Raggiunto il traguardo delle 400 firme per la richiesta di un laboratorio partecipato sul progetto edilizio di un nuovo albergo in Costa San Giorgio



FIRENZE — La soglia delle 400 firme necessarie al “Laboratorio Belvedere” è stata superata, lo ha annunciato l'associazione Idra.

"Come ha detto il direttore degli Uffizi Eike Schmidt: intervenire sulla collina che alimenta le sorgenti del giardino rinascimentale fra i più celebri del pianeta può rappresentare un fattore di rischio serio" è quanto sottolineato da Idra che ha raccolto le firme per attivare la partecipazione per il progetto che interessa l’ex convento di S. Girolamo e S. Francesco in Costa San Giorgio già Scuola di Sanità militare, Caserma Vittorio Veneto.

"Più di 400 cittadini residenti in Oltrarno hanno maturato con nome, cognome e documento di identità il diritto alla partecipazione. Fra le personalità di rilievo che hanno sottoscritto il progetto “Laboratorio Belvedere”, Giovanni Pallanti, giornalista e scrittore, Massimo Listri, fotografo, Adele Seniori Costantini, medico epidemiologo. A fianco, numerose le firme di fiorentini non residenti nel quartiere, come Olivia Turchi, attiva nell’antiquaria Via Maggio, Marco Geddes da Filicaja, già assessore alla Sanità e servizi sociali a Palazzo Vecchio, Ubaldo Nannucci, già procuratore della Repubblica di Firenze. Verranno consegnate anch’esse all’Autorità regionale per la garanzia e la promozione della partecipazione, ad attestare la vigilanza che i cittadini tutti stanno esercitando su un procedimento urbanistico che non è stato sottoposto né a un dibattito pubblico né a Valutazione Ambientale Strategica. Un procedimento che tuttavia è fortunatamente sospeso fra la fase dell’adozione e quella dell’approvazione della variante urbanistica dedicata all’ex Scuola di Sanità militare".

"Adesso tocca alla Giunta di Palazzo Vecchio intervenire nel processo partecipativo. La Regione Toscana ha autorizzato, del resto, il percorso di ascolto proposto da Idra e dalla cittadinanza attiva fiorentina prevedendo l’erogazione delle risorse necessarie allo svolgimento del progetto. Conseguenze gravi e irreversibili potrebbero derivare dall’ennesima monocultura turistica, programmata per giunta in uno dei quadranti idrogeologicamente più fragili e delicati della città Unesco. E’ questo infatti il cuore del problema: non il collegamento dell’albergo con Pitti e Belvedere, che si pretende tramontato e che è stato invece solo accantonato nella variante adottata a Giugno dell’anno scorso e rinviato a un futuro ‘apposito atto separato’ (Relazione Urbanistica, pag. 23). Ben più gravi e definitivi sarebbero infatti gli impatti degli scavi, nel ‘Poggio delle Rovinate’, sull’approvvigionamento idrico di fonti, fontane e vasche di Boboli, come il direttore Schmidt giustamente paventa" ha concluso l'associazione.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Una passeggera senza biglietto ha aggredito la capotreno. Il treno regionale si è fermato dopo essere partito dalla stazione di Santa Maria Novella
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

CORONAVIRUS