Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:50 METEO:FIRENZE22°35°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
domenica 25 luglio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Incendi nell'Oristanese, fiamme alte e gente in strada a Porto Alabe: centinaia di evacuati

Attualità domenica 28 febbraio 2021 ore 10:50

Hotel in Costa San Giorgio, caccia alle firme

persona firma la petizione

Prosegue e punta a 400 sottoscrizioni la petizione per chiedere partecipazione sull'ipotesi di un albergo di lusso nella ex caserma Vittorio Veneto



FIRENZE — Da Piazza Pitti a Santo Spirito, prosegue e punta a raccogliere 400 firme in Oltrarno la petizione promossa da Idra per chiedere che si apra un processo partecipativo sulla realizzazione di un hotel di lusso sotto al Forte Belvedere, proprio a ridosso del Giardino di Boboli, nella ex caserma Vittorio Veneto in Costa San Giorgio.

Gli attivisti parlando di una adesione ogni 6 minuti all'iniziativa portata avanti tra gazebo e banchetti per le firme registrando, "nella maggior parte dei casi, la diffusa indignazione dei cittadini di tutte le età" scrive Idra in una nota, "consapevoli e irritati dalla gravità della scelta di avallare l’86 per cento di destinazione turistico-ricettiva in una ex caserma vincolata come bene storico-architettonico Unesco". 

Il contesto è quello della petizione in cui si “richiede di attivare, ai sensi della Legge regionale 46 del 2013, un percorso di conoscenza e confronto pubblico sulla nuova destinazione urbanistica prevista per l’area fra Palazzo Pitti e Forte Belvedere (complesso della ex Caserma Vittorio Veneto in Costa San Giorgio), attualmente allo studio degli organi tecnici e delle sedi politiche del Comune”.

I militanti di Idra e i cittadini attivi mobilitatisi attorno a questa variante urbanistica chiedono di farla conoscere e discutere alla popolazione perché possa dare contributi costruttivi alla progettazione in un’area così delicata del centro storico. La loro esigenza è quella "di incamerare in pochi giorni, in regime di pandemia, almeno 400 firme nell’Oltrarno: questa la quota da raggiungere perché possa partire il progetto partecipativo proposto dalla comunità e accolto dall’Autorità regionale competente".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Non sono scampati ai posti di blocco. I carabinieri si sono appostati in punti strategici per controllare il tasso alcolico sulle strade della movida
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Libero Venturi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Sport

Cronaca