Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:00 METEO:FIRENZE15°27°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
venerdì 24 settembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Onorificenza a Liliana Segre, Casellati si commuove: «Lei ha trasformato l'orrore in memoria»

Attualità martedì 06 luglio 2021 ore 11:53

Fipili, Autopalio e A1, Cna: "L'ingorgo perfetto"

Allarme della Confederazione nazionale dell'artigianato sulla concomitanza di interventi che sta bloccando la circolazione nell'area metropolitana



FIRENZE — La viabilità metropolitana è al collasso, è l'allarme lanciato dalla Confederazione dell'artigianato e della piccola impresa del Fiorentino che parla di "Inferno stradale" e di "Ingorgo perfetto". 

Fi-pi-li con cantieri per frane e buche, Autopalio con cantieri tra Firenze e San Casciano e tra San Casciano e Impruneta, A1 con il casello di Impruneta chiuso e cantieri fra Firenze Sud e Incisa sull’Autosole. Un ingorgo perfetto, certamente non dovuto al fato” lamenta Giacomo Gioni, presidente di CNA Firenze Metropolitana, nel commentare la situazione.

“Negli ultimi 25 anni non ricordo un’estate senza cantieri sulla Fi-Pi-Li. Cantieri che non risolvono, ma mettono solo pezze che, in questo come in altri casi, ignorano i problemi geologici e morfologici di base che, puntualmente, si ripresentano” prosegue Cioni.

“I disagi per i cittadini e i lavoratori sono enormi. Idem per le imprese. Come parlare di ripartenza se, ai problemi già accumulati in 16 mesi di pandemia, si aggiungono i costi imposti dal caos dei collegamenti? Qualche esempio base. Se i trasporti impiegano più tempo per le consegne, l’impresa deve trattenere al lavoro i dipendenti oltre l’orario consueto con straordinari che, di questi tempi, gli imprenditori non si possono proprio permettere. Idem dal versante delle imprese di trasporti: tratte più lunghe richiedono più carburante con costi che, neppure in questo periodo di crisi, sono stati mitigati da un alleggerimento delle accise”.

“Decisioni politiche responsabili che coinvolgano tutti i soggetti interessati: Regione, Città Metropolitana, Comuni, Autostrade, Anas. Lavori seri, a regola d’arte in cui non ci sia da rimettere le mani. E dai tempi certi: le imprese sanno aspettare se la situazione lo richiede e se i cronoprogrammi dei cantieri sono resi noti e vengono rispettati. Questa volta non si possono campare neppure scuse di ordine economico viste le risorse che stanno per essere immesse nel nostro paese. Manutenzione ordinaria costante: possibile che, per fare un esempio, oggi, sulla Fì-Pi-Li, calcolata l’inflazione e l’aumento dei prezzi, si spenda dal 30 al 40 per cento in meno che nel 2007?” conclude Cioni.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Sono stati i residenti ad allertare la polizia dopo avere trovato all'interno di un garage alcuni scooter abbandonati, manomessi e svaligiati
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità

Attualità