Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 10:03 METEO:FIRENZE8°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
lunedì 29 novembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
La lezione di Burioni: «Variante Omicron? Dobbiamo da un lato stare attenti e dall'altra vaccinarci»

Lavoro martedì 10 marzo 2020 ore 14:27

"Covid-19? Autonomi in quarantena senza stipendio"

Il sindacato Nidil Cgil ha promosso un'indagine online e chiede ammortizzatori sociali per fronteggiare l'emergenza del contagio da Coronavirus



FIRENZE — Il sindacato Nidil Cgil ha lanciato un allarme per tutelare le attività in cui operano prevalentemente lavoratori autonomi a partita iva che hanno subito o stanno subendo una interruzione a causa del Coronavirus, "con ingenti perdite e assenza totale di ammortizzatori".

Nidil Cgil Firenze ha lanciato un sondaggio rivolto ai lavoratori autonomi a partita iva e collaborazione per fotografare la caduta di reddito e nel frattempo ha richiesto alle Istituzioni interventi in materia di ammortizzatori e di tutela della malattia "Accesso alla cassa in deroga (anche per i collaboratori coordinati e continuativi), utilizzo della cassa specifica Formatemp per i lavoratori in somministrazione e indennità di disoccupazione rafforzata per tutti coloro che perdono il lavoro. Per gli autonomi un sostegno legato ai redditi pregressi e in proporzione all’effettiva riduzione dell’attività lavorativa, con un tetto ben più alto degli attuali 500 euro, guardando anche ai settori più esposti. Inserimento dei collaboratori sportivi (non iscritti a nessuna cassa previdenziale) tra i beneficiari delle misure di sostegno. Estensione a collaboratori e professionisti autonomi delle misure di welfare “promesse” dal Governo per la cura genitoriale. Garanzia della indennità di malattia legata all'emergenza per tutti. Adeguamento anche delle casse professionali".

"Le guide turistiche - ha sottolineato il sindacato in una nota - sono alle prese con i tour cancellati fino a giugno e con mancate entrate che già superano in media i 2 mila euro a persona; artisti, tecnici e organizzatori rimangono senza coperture a causa della interruzione di eventi e spettacoli, così come chi si occupa di corsi formativi, consulenza, attività professionale e insegnamento nel settore privato. Non da meno i ciclofattorini che stanno vedendo un crollo dell'attività proprio in questi ultimi giorni. Altro capitolo i collaboratori sportivi, che a fronte della chiusura progressiva di palestre e impianti sportivi non avranno redditi e neanche una tutela in caso di malattia. Per il lavoro precario in genere si prospetta anche lo spettro del termine dei contratti e di una disoccupazione che potrebbe durare a lungo".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
L'incendio è divampato in piena notte nell'appartamento al terzo piano, coinvolgendo anche quello al piano superiore. Entrambi sono inagibili
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Attualità