comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
FIRENZE
Oggi 21°29° 
Domani 21°31° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
martedì 14 luglio 2020
corriere tv
Recovery Fund, Merkel: «Ci sono divergenze, ma puntiamo a trovare l'accordo»

Attualità mercoledì 18 marzo 2020 ore 08:32

Coronavirus, spesa a domicilio per restare a casa

I fiorentini possono ridurre drasticamente gli spostamenti grazie ad una serie di servizi forniti per limitare le occasioni di contagio da Covid-19



FIRENZE — Le lunghe file davanti ai supermercati stanno caratterizzando l'emergenza Coronavirus e stanno creando disagi ad alcune persone che hanno difficoltà ad attendere in fila. Anche gli operatori della grande distribuzione si sono lamentati proponendo di chiudere alcuni reparti di articoli non necessari o ponendo limiti al numero di spese settimanali a persona. La difficile gestione della spesa ha portato i sindacati sul piede di guerra ad annunciare la mobilitazione e possibili serrate.

Nella città di Firenze il vicinato si è organizzato per fornire alcuni servizi alle persone anziane e non solo, dalla grande distribuzione alle botteghe alimentari e le farmacie e persino alcuni Comitati di zona si sono attivati con volontari a disposizione dei vicini di casa.

Per prime sono state attivate le compagnie della grande distribuzione che hanno risposto all'invito del Comune di Firenze: Carrefour Express, Conad, Esselunga, Pam Panorama e Unicoop Firenze per fornire un servizio di consegna a domicilio della spesa e dei beni di prima necessità, gratuito, per gli anziani over 75 e per le persone immunodepresse aiutandole così a non uscire da casa. "Offrono la possibilità per chi ha più di 75 anni di farsi recapitare gratuitamente la spesa sulla porta di casa” ha spiegato l'assessore Andrea Vannucci.

Dopo la partenza del Centro commerciale naturale di Peretola, si sono uniti altri Centri commerciali naturali della città al servizio di consegna gratuita a domicilio sostenuto e promosso da Confesercenti Firenze ed assessorato al Commercio di Palazzo Vecchio. E' possibile prenotare chiamando i numeri di telefono delle singole attività.

Da lunedì 16 ha preso il via anche il servizio di consegna gratuita a domicilio rivolto ai cittadini residenti a Firenze over 65 e a persone affette da patologie croniche, ovvero con stati di immunodepressione congenita o acquisita e coloro che non hanno una rete parentale nel raggio di 10 chilometri che non sono in regime di isolamento fiduciario o quarantena, reso possibile grazie anche alla collaborazione di Afam Farmacie comunali e Federfarma. Pensato dal Comune di Firenze insieme ai Coordinamenti territoriali della Misericordia, della Croce Rossa Italiana e dell’Anpas coordinati dall’associazione Esculapio, il progetto nasce per dare un ulteriore sostegno alle persone più fragili e contrastare il diffondersi del Coronavirus, limitando il più possibile le uscite di casa.

Il servizio di ricezione delle telefonate è attivo dalle 8 alle 16.30 dal lunedì al venerdì, festivi e prefestivi esclusi. Chi è interessato può chiamare il call center istituito dal Comune per dare informazioni e supporto agli anziani, allo 0553282200. L’operatore del call center del Comune, una volta verificati i requisiti e la necessità del servizio da parte del richiedente, trasferisce la chiamata all’operatore del servizio ‘Iorestoacasa’ di Esculapio, il quale comunica al cittadino che la consegna sarà effettuata nel minor tempo possibile dalla richiesta. Le consegne sono effettuate anche dagli autisti del Comune che attualmente, a causa dell’emergenza da Covid- 19, non sono impegnati nelle consuete attività lavorative. L’associazione Esculapio, una volta gestite le varie richieste provvede a organizzare le consegne da parte dei volontari di Misericordia, Croce Rossa Italiana e Anpas e ricontatta il richiedente per concordare le modalità e l’orario indicativo della consegna.



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Cronaca