Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:20 METEO:FIRENZE21°32°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
mercoledì 10 agosto 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Meloni si rivolge alla stampa estera in tre lingue: «No a svolta autoritaria, noi siamo democratici»

Attualità mercoledì 29 giugno 2022 ore 18:35

Ceneri ed urne, nuova disciplina dopo il Covid

Forno crematorio

Il Covid ha fatto emergere criticità sull'applicazione della disciplina per le volontà del defunto a disperdere le ceneri e affidare l’urna cineraria



FIRENZE — Maggiore certezza nell’applicazione delle norme per accertare la volontà del defunto sulla dispersione delle proprie ceneri e l’affidamento dell’urna cineraria ai familiari, lo prevede la modifica al regolamento di polizia mortuaria, per la parte relativa allo Stato civile, che ha avuto oggi il via libera della giunta di Palazzo Vecchio su proposta dell’assessore all’Anagrafe Titta Meucci.

Nel dettaglio, in base alle modifiche al regolamento, affidatario dell’urna cineraria può essere qualunque persona, ente o associazione, scelta liberamente dal defunto o dai suoi familiari, secondo le modalità previste dalla legge.

La dispersione delle ceneri è autorizzata dall’ufficiale di stato civile ed è ammessa nel rispetto della volontà del defunto attraverso una delle seguenti espressioni: disposizione testamentaria del defunto, tranne i casi in cui gli aventi titolo presentino una dichiarazione del defunto contraria alla cremazione con data successiva a quella del testamento; dichiarazione sottoscritta nell’ambito dell’iscrizione ad una associazione riconosciuta che abbia tra i propri fini quello della cremazione dei cadaveri dei propri associati; dichiarazione autografa da pubblicarsi come testamento olografo secondo quanto previsto dal codice civile. In mancanza della disposizione testamentaria o di qualsiasi altra espressione di volontà scritta, si applicano direttamente i fondamentali principi civilistici di libertà di forma negoziale, recepiti anche nella legge del Maggio scorso, considerando valida anche una volontà espressa verbalmente ai propri familiari e da loro attestata con propria dichiarazione. Per familiari si intendono il coniuge o, in mancanza, il parente più prossimo secondo quanto previsto dal codice civile.

A seguito della pandemia - ha detto l’assessore all’Anagrafe Titta Meucci - sono emerse maggiori difficoltà sulla corretta applicazione delle norme che disciplinano l’accertamento della volontà del defunto alla dispersione delle proprie ceneri e all’affidamento dell’urna cineraria ai familiari. Per questo, l’amministrazione ha deciso di modificare il regolamento di polizia mortuaria per gli aspetti legati allo Stato civile per meglio disciplinare queste pratiche funerarie e adeguare la disciplina alle esigenze nel frattempo maturate”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La sua produzione artistica e gli eventi che ha saputo organizzare sono stati a lungo punto di riferimento nella città che ora lo piange
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Cronaca

Cronaca