Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:00 METEO:FIRENZE15°27°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
venerdì 24 settembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Onorificenza a Liliana Segre, Casellati si commuove: «Lei ha trasformato l'orrore in memoria»

Cronaca mercoledì 09 giugno 2021 ore 13:04

Caporalato, turni di 14 ore per pochi euro

Lavoratori cinesi, bengalesi e pakistani, trasportati sul luogo di lavoro e tenuti a lavorare 14 ore al giorno con una retribuzione di 3 euro l’ora



FIRENZE — Bancarotta fraudolenta, frode fiscale, sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte e sfruttamento illecito dei lavoratori nell'ambito delle lavorazioni conto terzi di capi in pelle sono i reati emersi nell'operazione "Panamera", messa a segno dalla guardia di finanza di Firenze.

I finanzieri hanno arrestato una coppia di cittadini cinesi ed hanno disposto il divieto di dimora nel Comune di Campi Bisenzio e di espatrio per due familiari degli arrestati, oltre al sequestro preventivo di 522.883 euro. 

Una società di capitali e due ditte individuali sono state dichiarate fallite dal Tribunale e oltre all’accusa di caporalato è emersa anche un’attività di raccolta e smaltimento illecito di rifiuti speciali. 

L'operazione ha condotto i militari ad alcuni capannoni nel Comune di Campi Bisenzio dove gli imprenditori di origini cinesi, appartenenti allo stesso ambito familiare e operanti nel settore della lavorazione del pellame e della produzione di borse, sfruttavano manodopera straniera.

Le attività investigative hanno consentito di individuare una società romana, con una sede a Calenzano, che subappaltava le proprie lavorazioni per conto terzi a una società di capitali gestita dalla coppia di origini cinesi che smistava le lavorazioni a ditte individuali caratterizzati da una breve durata e successivamente lasciate con elevati debiti erariali, svuotate di liquidità e sostituite da altre operanti negli stessi luoghi e con gli stessi macchinari e forza lavoro.

Dalle indagini è emerso lo sfruttamento di lavoratori di diversa etnia, cinesi, bengalesi e pakistani, trasportati sui luoghi di lavoro e tenuti a lavorare per circa 14 ore al giorno, con una retribuzione media oraria di poco superiore ai 3 euro l’ora. Senza riposo, i pasti venivano consumati velocemente all’interno del capannone, ove erano presenti approssimative cucine alimentate da bombole a gas.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Sono stati i residenti ad allertare la polizia dopo avere trovato all'interno di un garage alcuni scooter abbandonati, manomessi e svaligiati
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità

Attualità