QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
FIRENZE
Oggi 14° 
Domani 11°14° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
sabato 29 febbraio 2020

Attualità mercoledì 13 luglio 2016 ore 16:12

Cannabis terapeutica, richieste in aumento

Nel Laboratorio Galenico dell’Ospedale Santa Maria Nuova di Firenze si concentrerà la produzione di tutta la Azienda Usl Toscana Centro



FIRENZE — Alcune delle testimonianze raccolte tra i duecento pazienti che usufruiscono delle terapie a base di cannabinoidi allestite nel Laboratorio Galenico dell’Ospedale Santa Maria Nuova, diretto dalla dottoressa Irene Ruffino rilevano miglioramenti sostanziali: dal contrasto ai dolori della sclerosi multipla, a quello derivante da tumore epatico, problemi del sonno o prevenzione di nausea e vomito dovuti a radioterapia.

Quest’anno il laboratorio ha incrementato del 50% la produzione dei medicamenti, aiutando tante persone a soffrire meno e a sedare il dolore di varia natura in tantissime persone portatrici di gravi malattie come la sindrome di Tourette o la Sclerosi Laterale Amiotrofica, malattie rare o patologie croniche.

Il laboratorio mantiene inalterata l’attività anche nel periodo estivo per non lasciare soli i pazienti nel periodo più difficile dell’anno.

Oltre che per i pazienti esterni il laboratorio Galenico allestisce preparati anche per quei pazienti ricoverati nei reparti oncologici, neurologici, servizi di algologia e negli Hospice.

Particolare attenzione viene dedicata alla cura dei piccoli pazienti, ai quali è riservato un percorso particolare, distinto da quello degli adulti. Su 58 bambini attualmente in carico, 35 sono affetti da malattie rare.

La preparazione delle formulazioni a base di cannabis per uso terapeutico che si svolge nel laboratorio, consta di ben sei livelli di controllo e monitoraggio continuo per garantire la massima qualità dei preparati e sicurezza possibile per i pazienti.

I preparati vengono realizzati impiegando uno dei quattro prodotti derivati dalle infiorescenze essiccate di cannabis; comprendono l’olio e le cartine.

Le cartine vengono allestite in dosaggio variabile da 50 a 600 milligrammi, pesandole ed etichettandole una ad una con le indicazioni della prescrizione, il codice del paziente e la normativa di riferimento.

Il contenuto delle cartine viene utilizzato per somministrazione orale (preparando una tisana da bere) o per inalazione, con l’utilizzo di un vaporizzatore.

Il Laboratorio Galenico di Santa Maria Nuova si appresta a diventare il punto di riferimento di tutta l’Azienda USL Toscana Centro.



Tag

Zaia: «Grazie all'igiene dei veneti solo 116 positivi, i cinesi? Li abbiamo visti tutti mangiare i topi vivi»

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cultura

Attualità