comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
FIRENZE
Oggi 11°23° 
Domani 16°21° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
mercoledì 30 settembre 2020
corriere tv
«Cartabianca», Mauro Corona assente. Berlinguer: «Spero che torni ma risparmiandoci offese e insulti»

Cronaca mercoledì 07 agosto 2019 ore 16:45

Fine corsa per la banda dei finti carabinieri

In un colpo solo hanno portato via a un imprenditore 40mila euro, gioielli e un lingotto d'argento. Mesi di indagini della polizia



FIRENZE — Un uomo è finito in carcere e altri quattro ai domiciliari per la rapina messa a segno il 25 settembre 2018 in casa di un imprenditore a Sesto Fiorentino. Gli arrestati, uno fiorentino, gli altri napoletani tutti tra i 22 e i 43 anni, sono accusati di rapina aggravata, sostituzione di persona e possesso di segni distintivi contraffatti. 

Le indagini sono scattate dopo la denuncia dell'imprenditore che alla polizia ha detto di essere stato vittima di una finta perquisizione. Al suo rientro a casa, la sera del 25 settembre, fu infatti fermato da tre uomini che, muniti di paletta e di tesserino con la scritta 'carabinieri' ma in abiti civili, gli notificarono un atto di perquisizione poi risultato falso. I tre, tutti componenti della banda, entrarono nell'abitazione per uscirne con 40mila euro in contanti, un anello in oro e brillanti, gioielli vari e un lingotto d'argento. 

La polizia, attraverso le indagini, è riuscita a incastrarli grazie ai loro stessi errori di calcolo. La banda, infatti, non aveva fatto i conti con il sistema di videosorveglianza della casa dell'imprenditore: il tentativo di metterlo ko sradicando una telecamera notata nella fuga non è servito a nulla. Alle immagini registrate si sono aggiunti poi i loro spostamenti ricostruiti grazie ai cellulari e ai segnali gps delle auto noleggiate per il colpo. La polizia non ha tardato a capire che le auto si erano incontrate nell'area di servizio Bisenzio est per poi appostarsi vicino alla casa della vittima. 

L'uomo finito in carcere, di Acerra in provincia di Napoli, è considerato il capobanda. Il fiorentino era invece il basista incaricato di dare agli esecutori del colpo le dritte per trovare il bottino nella casa dell'imprenditore. 



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Lavoro

Cronaca