Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:15 METEO:FIRENZE11°14°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
venerdì 09 dicembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Imponente frana sulla Lecco-Ballabio, colpita un'auto e bloccata una galleria. Non ci sono feriti

Attualità venerdì 25 marzo 2022 ore 11:57

In lutto o sopravvissuti, un aiuto dopo il Covid

familiare di malato Covid

C'è chi ha perso familiari senza poterli salutare, e chi dopo l'isolamento fatica a ritrovare equilibrio. Per loro un incontro con gli esperti



FIRENZE — I familiari in un lutto difficile da elaborare, e i sopravvissuti alla terapia intensiva che faticano a ritrovare un equilibrio anche sotto il profilo relazionale. E' un altro male portato dal Covid-19, e a loro il personale sanitario del reparto di terapia intensiva dell’ospedale di Santa Maria Annunziata a Ponte a Niccheri, l’ospedale della Asl Toscana centro diretto da Andrea Bassetti, ha deciso di dedicare un incontro a cui hanno partecipato sia i parenti delle persone decedute sia i sopravvissuti al Covid in terapia intensiva. 

Sono state le testimonianze dirette di questi ultimi a far sapere ai familiari di chi non ce l’ha fatta cosa è accaduto in quei giorni. I sopravvissuti alla malattia hanno raccontato di mani che si intrecciavano, quelle degli infermieri e quelle dei ricoverati, dell’attenzione umana che arrivava attraverso una parola di forza, di conforto, sussurrata e anche per il personale del reparto è stato come rivivere tutto una seconda volta.

Perché i familiari che dopo il ricovero non hanno più visto il loro congiunto, senza poterlo salutare né accompagnare all'esito finale, hanno bisogno di sapere: “Ci chiedevano degli ultimi momenti, se i loro cari avevano ricevuto attenzioni, se qualcuno era lì con loro e chi – racconta Vittorio Pavoni, direttore della terapia intensiva dell’ospedale di Ponte a Niccheri –. Due infermiere del reparto insieme al coordinatore hanno raccolto queste telefonate e hanno ricontattato le famiglie. Così è nata l’idea di parlare ai familiari in presenza, anziché per telefono”.

Anche verso i pazienti clinicamente guariti da Covid-19 che sono usciti dalla terapia intensiva di Ponte a Niccheri, la vicinanza umana e la relazione di cura medica del reparto non è mai venuta meno nei mesi successivi alle dimissioni. L’ospedale ha continuato a prendersi cura della salute di questi pazienti attraverso l’ambulatorio di follow up, già operativo prima della pandemia per i malati reduci del reparto intensivo ma rafforzato col Covid-19.

Sono almeno un centinaio in un anno i pazienti richiamati e sottoposti a controllo: le patologie post Covid vanno dai disturbi piscologici ai problemi respiratori e cardiologici, alla debolezza muscolare dovuta all’allettamento da ricovero e a tutti quei disturbi che possono essere causati da una degenza in terapia intensiva. 

Anche un anno dopo la guarigione, alcuni dei pazienti usciti dalla terapia intensiva continuano a presentare sintomi. Spesso più moderati ma comunque persistenti. Si occupano di questi pazienti tre medici della terapia intensiva insieme ad alcuni infermieri dell’ambulatorio.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Sono stati degli operai a fare il macabro ritrovamento avvisando le forze dell'ordine. Oltre al teschio anche altri resti. Indaga la polizia
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Alfredo De Girolamo e Enrico Catassi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità