QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
FIRENZE
Oggi 12°12° 
Domani 10° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
venerdì 15 novembre 2019

Cultura domenica 01 settembre 2019 ore 10:41

Assalto a La Specola, la chiusura è un fenomeno

Lunghe file per l'apertura straordinaria, chi si occupa di flussi turistici solleva il dubbio che dietro il successo ci sia la paura della perdita



FIRENZE — Il Museo de La Specola ha registrato il tutto esaurito e lunghe file per l'apertura straordinaria ad ingresso gratuito. La storica sede chiude da oggi al pubblico per i lavori di riqualificazione che terranno i visitatori lontani per oltre un anno. L'assalto è dovuto alla prolungata chiusura oppure c'è altro dietro allo straordinario successo di pubblico?

Massimo Lensi dell'Associazione Progetto Firenze, autore di "La filosofia del trolley - indagine sull’Overtourism a Firenze” un volume sulla gestione dei flussi turistici nel capoluogo toscano, ha commentato sui social "Per me è un mistero. La Specola è un museo che non se lo fila nessuno, tranne le scolaresche. Un bel museo, va detto. Annuncia la chiusura, "brandizza" l'avvenimento con intelligenza, e scattano le lunghe code. Scatta il dover esserci a tutti i costi, un meccanismo (per me) misterioso di partecipazione irrazionale a un avvenimento in cui non è il museo che interessa, ma la sua chiusura. Omnia munda mundis".

L'ultimo accesso prima della chiusura avrebbe dunque scatenato la curiosità, il bisogno di non mancare l'appuntamento. E così sotto la riflessione di Lensi lanciata attraverso i social spuntano consigli più o meno velati a trattare la cultura alla maniera dei prodotti immessi sul libero mercato con l'offerta all'ultimo giorno utile per approfittarne.

Il progetto di ammodernamento cui sarà sottoposto il museo è frutto della collaborazione tra la Regione Toscana e l’Università degli Studi di Firenze e permetterà l'arricchimento espositivo: a conclusione dei lavori La Specola potrà infatti ospitare la collezione di Mineralogia e Litologia, conservata attualmente in via La Pira ma non disponibile per le visite e chissà che anche per l'occasione non parta una campagna di grande aspettativa.



Tag

Venezia sott'acqua, la peggiore marea degli ultimi 50 anni: le immagini dall'elicottero

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Attualità