Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:15 METEO:FIRENZE13°18°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
giovedì 21 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Centrodestra, il vertice tra Berlusconi, Meloni e Salvini a Villa Grande

Attualità venerdì 21 maggio 2021 ore 09:54

Firenze apre ai turisti ma non è ancora per tutti

Che fine ha fatto il buon proposito di ridimensionare la città museo per limitare i flussi turistici e far tornare i residenti nelle abitazioni?



FIRENZE — Esattamente un anno fa, a Maggio 2020, l'attenzione era rivolta ai centri storici di Venezia, Roma e Firenze, dove le immagini delle piazze deserte suscitavano forti emozioni scatenando un acceso dibattito sulla creazione di città turistiche con la conseguente scomparsa dei residenti.

Un punto di non ritorno sbattuto in faccia all'opinione pubblica che ha costretto molte amministrazioni a correre ai ripari con annunci di ridimensionamento. Salvo poi, al primo segnale di riapertura, invitare i turisti a tornare

Ma come diminuire la pressione turistica e far tornare i residenti?

Ad oggi l'unica grande operazione di alleggerimento sembra essere quella del direttore delle Gallerie degli Uffizi che con il progetto Uffizi diffusi sta lavorando alla delocalizzazione delle opere stipate nei depositi.

Il Codacons denunciava il costo del caffè al bar come uno scandalo. Un parametro economico da paniere dei beni, il prezzo di una tazzina della bevanda più consumata, anche più volte al giorno, rappresenta l'andamento dei prezzi dell'intera area di riferimento. Da qui la riflessione: potrebbe un residente permettersi ogni giorno uno o più caffè al costo di 2,50 euro? Senza scomodare il "caffè sospeso" che diventerebbe una colletta.

Tempo poche ore e nel dibattito sono entrati anche i cosiddetti host, i proprietari degli appartamenti affittati ai turisti sulle piattaforme online. L'analisi del mondo dei bed and breakfast all'italiana propone alcune precise tipologie di host, i figli dei vecchi residenti che hanno frazionato i grandi appartamenti per ricavarne camere con bagno, i nipoti dei vecchi residenti che hanno avviato una nuova attività gestendo uno o più appartamenti e fornendo ai turisti accoglienza, colazione e pulizie ed i grandi gestori di immobili sparsi in città con un indotto di manutentori e fornitori.

A detta delle associazioni che studiano il fenomeno della "gentrificazione" per poter tornare indietro non basta proporre nuovi itinerari turistici ma occorre incentivare chi si è trasferito in periferia o fuori città a tornare.

Il primo scoglio da superare è l'offerta dei beni e servizi. Si torna al caffè.

Il tessuto economico si è trasformato per andare incontro alla presenza dei turisti, sono spariti gli alimentari e le mesticherie in favore dei grandi marchi e dei prodotti tipici di eccellenza che c'erano anche prima con il pecorino e la finocchiona del banco gastronomia ma con meno storytelling. 

Secondo aspetto sono gli immobili a disposizione.

Adesso ci sono tanti monolocali, alcuni in scantinati, altri in soffitta, per una giovane coppia potrebbe bastare una camera con bagno ma per una famiglia di tre persone? Come si può ampliare ciò che è stato frazionato? 

Altro tasto dolente: il prezzo del mattone. Comprare casa in centro storico quanto può costare oggi? Ed un affitto? Secondo i dati dei sindacati e associazioni di inquilini i prezzi sono proibitivi perché misurati sul confronto con la rendita. Un monolocale da 100 euro a notte con un potenziale di 3.000 euro al mese potrà mai essere messo in affitto a 600 euro? Per una città che lotta con il caro affitti e prega che sia prolungato il blocco degli sfratti sembra una proposta indecente.

Il sindaco di Firenze ha lanciato un piano per la realizzazione di 1300 alloggi popolari ma non sono in centro storico dove, invece, tiene banco un serrato confronto con i Comitati a causa della trasformazione di vecchi edifici in alberghi extra lusso.

La sfida è stata lanciata e Palazzo Vecchio tra le prime amministrazioni in Italia l'ha fatta propria. Oggi che l'Italia riparte la prima carta giocata è stata proprio quella del turismo, la cartolina dalla "splendida cornice". Ma i residenti, tornano?

Antonio Lenoci
© Riproduzione riservata

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Impatto violento tra due automobili. Sul posto personale del 118 e polizia municipale. I residenti hanno segnalato la pericolosità dell'incrocio
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Marco Celati

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Lavoro

Cronaca