comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
FIRENZE
Oggi 18°29° 
Domani 21°29° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
domenica 20 settembre 2020
corriere tv
Scuola, a Corviale arrivano i banchi: ma l'istituto è chiuso da 10 anni

Attualità lunedì 11 maggio 2020 ore 15:17

Affitti ad alto rischio nella morsa del Covid 19

Gli inquilini non riescono più a pagare e i proprietari devono rivedere i loro piani di rendita, il Covid 19 manda gli affitti in terapia intensiva



FIRENZE — Lo scontro sugli affitti è appena iniziato, inquilini e proprietari sono al tavolo per decidere come superare la crisi economica dovuta all'epidemia di Covid 19. Il Comune di Firenze ha aperto più fronti di discussione e l'accavallamento delle ipotesi sembra aver generato alcuni mal di pancia. Al tavolo aperto dall'assessorato alla Casa si è aggiunto infatti quello dell'assessorato a Turismo e Urbanistica.

Il Covid 19 ha creato una brusca frenata dei redditi con la conseguenza di aver azzerato la liquidità delle famiglie investendo così la casa.

Il Sunia Firenze ed i sindacati degli inquilini premono per promuovere la rinegoziazione del canone per chi è già in affitto ed un bonus dedicato a chi decide di affittare a canone calmierato con un contratto di affitto concordato basato sugli accordi territoriali che abbasserebbero sensibilmente le pretese economiche. Con la prospettiva di attirare nuovi alloggi nel paniere, comprese le locazioni nate come investimento turistico. All'orizzonte si è però affacciata una prospettiva più blanda dedicata agli host del circuito turistico che ha fatto drizzare i capelli agli inquilini. Il rischio è che i proprietari degli alloggi non turistici finiscano per sentirsi meno tutelati dei loro "colleghi" host riducendo il potere di contrattazione sociale.

Palazzo Vecchio, a Maggio, ha incontrato i proprietari di immobili locati a fini turistici con lo scopo di "reimmettere questi immobili sul mercato coprendo nuove fasce di utenze per affitti a medio-lungo termine". Questa la fascia di utenze interessata "studenti universitari o delle università straniere, giovani imprenditori che frequentano acceleratori di impresa grazie alla rete dell’ecosistema dell’innovazione fiorentino, ricercatori, dottorandi, medici, lavoratori stagionali che si trovano in città per un periodo non brevissimo e che temporaneamente diventano cittadini di Firenze" un elenco che ha fatto storcere il naso al sindacato degli inquilini che ci ha visto dei "privilegiati" rispetto all'intera domanda di case in affitto.

L'obiettivo dichiarato dal Comune di Firenze è stato "definire incentivi e agevolazioni, ma anche condizioni che possano favorire i proprietari a tornare più facilmente in possesso dell’immobile in caso di morosità".

Gli inquilini non ci stanno ed hanno rilanciato l'esito dell'incontro di Aprile dove sul tavolo c'era "un contributo economico ai proprietari di immobili che decidono di trasformare un contratto di locazione libero o breve in un contratto concordato; l’apertura di un confronto con le associazioni che hanno sottoscritto gli accordi territoriali per definire modalità e criteri per la rinegoziazione dei canoni di affitto agevolati per coloro che hanno subito un danno a causa dell’interruzione dell’attività di studio o lavoro per il Coronavirus" queste le misure discusse nella riunione telematica convocata dall’assessorato alla Casa con i sindacati Sunia, Sicet, Unione inquilini e Conia per gli inquilini e Confedilizia, Appc, Asppi, Uppi e Confabitare per i proprietari.

Tra le misure discusse, da raccogliere in un documento da sottoscrivere dalle tre parti, c'era anche "la possibilità di istituire un fondo comunale per le morosità degli inquilini e per la premialità destinate ai proprietari che hanno ricontrattato l’affitto".

Intanto alle organizzazioni sindacali degli inquilini continuano ad arrivare numerose richieste di aiuto di studenti fuori sede, lavoratori e piccoli proprietari su come comportarsi con l’interruzione delle attività produttive, di servizi e della scuola di ogni ordine e grado comprese quelle universitarie. Come comportarsi di fronte allo studente lavoratore o all’inquilino che ha abbandonato il proprio alloggio e se sia possibile sospendere il pagamento del canone d’affitto.



Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità