Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:44 METEO:FIRENZE11°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
mercoledì 19 gennaio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Quando Metsola non strinse la mano a Muscat

Attualità mercoledì 18 dicembre 2019 ore 11:18

Uno studio sul rebus dell'albero di Natale

Un laureando dell’Università di Firenze ha ricostruito il ciclo di vita degli abeti veri e di plastica e il loro costo in termini di sostenibilità



FIRENZE — Se nella scelta dell’albero di Natale abbiamo a cuore l’ambiente, meglio acquistarne uno vero rispetto a uno di plastica, questa la tesi di Lapo Azzini, oggi laureato della magistrale in Scienze e tecnologie dei sistemi forestali della Scuola di Agraria dell'Università di Firenze, che ha studiato il ciclo di vita dei due prodotti, per determinare il rispettivo impatto ambientale.

Grazie alla disponibilità di aziende agricole del territorio e della Coldiretti di Arezzo, la tesi ha confrontato, tra le altre, le emissioni di CO2 equivalente - il parametro utilizzato per la valutazione degli impatti sull’effetto serra - di un abete prodotto in Casentino e di due articoli in plastica delle stesse misure provenienti dalla Cina, uno in versione economica (base) e uno più costoso ed esteticamente più apprezzabile (premium). L’analisi è stata svolta per comparare il costo ambientale in termini di energia utilizzata per l’approvvigionamento e la trasformazione dei vari materiali in tutte le fasi, incluso il trasporto a Firenze.

“Anche escludendo le emissioni generate dallo smaltimento delle due tipologie di albero e senza considerare che per produrli in un caso si utilizza carbonio fossile e nell’altro biogenico - ha detto Azzini nella sua tesi, che ha avuto come relatore Enrico Marchi e correlatori Giacomo Goli, Francesco Paolo Nicese, Andrea Laschi e Francesco Del Pero e Massimo Delogu -, quello coltivato nelle aziende agricole ha un impatto sul riscaldamento globale molto ridotto rispetto a quello artificiale. I conti infatti ci mostrano che, pur ipotizzando di sostituire l’albero naturale ogni anno, per poter pareggiare le emissioni, per un abete artificiale di tipo “base” sono necessari 15 anni di riutilizzo e che nel caso della tipologia“premium” sono necessari addirittura 38 anni”.

Oltre alle emissioni, occorre anche considerare il fattore positivo legato alla valorizzazione del settore agricolo e forestale locale, come spiega la guida per la scelta responsabile dell’albero di Natale pubblicata dal Dipartimento di Scienze e Tecnologie Agrarie, Alimentari, Ambientali e Forestali, che spiega perché scegliere un abete vero sia il modo più concreto per preservare l’ambiente.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Sono oltre 900 le mail inviate ad Autolinee Toscane, molte con errori e per questo motivo l'azienda ha attivato un portale per le candidature
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità