Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:15 METEO:FIRENZE11°14°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
venerdì 09 dicembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Imponente frana sulla Lecco-Ballabio, colpita un'auto e bloccata una galleria. Non ci sono feriti

Attualità giovedì 07 aprile 2022 ore 15:19

Apre la nuova passerella ciclopedonale sull'Arno

Nel Parco Fluviale mette in collegamento Scandicci, Lastra a Signa, Signa, Campi Bisenzio e Firenze ricalcando un attraversamento storico dell'Arno



CAMPI BISENZIO — La nuova passerella di collegamento fra la Stazione ferroviaria Badia a Settimo (Scandicci) e San Donnino (Campi Bisenzio) è stata inaugurata dal Sindaco Metropolitano Dario Nardella con i sindaci di Scandicci Sandro Fallani, di Campi Bisenzio Emiliano Fossi, di Signa Giampiero Fossi e di Lastra a Signa Angela Bagni, dal Presidente della Regione Toscana Eugenio Giani e dai rappresentanti di Rete Ferroviaria Italiana (Gruppo FS Italiane) insieme ai responsabili del cantiere.

La Passerella è inserita nel Parco Fluviale dell'Arno, fa parte del progetto di Ciclovia dell'Arno e mette in collegamento i percorsi pedociclabili posti in sinistra idraulica (Scandicci - Lastra a Signa) con la Firenze Signa posta in destra idraulica (Signa, Campi bisenzio). Oltre che ricalcare un attraversamento storico dell'Arno, consente il facile accesso da Badia a Settimo alla stazione ferroviaria di San Donnino, sviluppando quindi un importante nodo dell'intermodalità bici treno e consentendo agli abitanti di Scandicci e di Lastra a Signa di poter accedere ad una fermata ferroviaria che consente di raggiungere Santa Maria Novella in 17' con treno regionale

La nuova passerella è caratterizzata da una struttura portante a travata con un solo appoggio intermedio. La lunghezza totale dell’attraversamento è pari a 181,10 metri organizzato in due campate rispettivamente di 68,55 e 112,55 metri. La larghezza è variabile tra 4,60 metri e 5,90 metri. L’opera svolgerà la duplice funzione di collegare da una parte i percorsi ciclopedonali preesistenti sulle due sponde dell’Arno e, dall'altra, consentirà la fruibilità della stazione Ferroviaria agli utenti provenienti dalla sponda sinistra. Circa questa seconda funzione, si segnala che la nuova passerella rappresenta la parte infrastrutturale di maggiore impegno del progetto.

"Oggi siamo per certi versi più grandi, ma più raggiungibili e legati sul territorio metropolitano - ha detto Dario Nardella - E' la prospettiva che ci siamo dati con il piano strategico e la passerella ne è un simbolo attivo, evidente e funzionale a quella visione di mobilità sostenibile che fa crescere le nostre comunità e le rende più vicine. La sostenibilità vuol dire certamente spostamenti efficaci, ma in un contesto che è di rispetto del paesaggio e di cura nella scelta dei materiali e della loro collocazione".

“E’ una data storica per le comunità di Badia a Settimo e di San Donnino, perché grazie alla nuova passerella torniamo ad aprire un passaggio sull’Arno che ha radici ultracentenarie - ha detto il sindaco di Scandicci Sandro Fallani - addirittura la prima pietra del ponte originario sarebbe stata posata nel 1914, dall’allora ministro Sydney Sonnino. Adesso però quest’opera ha uno slancio verso il futuro, anche nel suo sviluppo molto leggero: ricollegherà la riva sinistra alla riva destra dell’Arno, ma soprattutto con la ferrovia ci permetterà in tempo veloce di andare con un mezzo ecologico e sicuro in centro a Firenze. Con la Città Metropolitana ricuciamo così una frattura storica tra le due rive dell’Arno, grazie anche all’impegno del Comune di Scandicci e di ognuno di noi. Il passaggio sull’Arno a Badia apre anche un nuovo sistema di percorsi di mobilità sostenibile, collegandosi tramite piste pedonali e ciclabili ai parchi delle Cascine, dei Renai, al parco fluviale di Lastra a Signa, alla futura Ciclovia fino al Girone, e a tutta la rete di tragitti riservati alle bici che uniscono i quartieri di Scandicci”.

Il sindaco di Lastra a Signa Angela Bagni, rappresentata alla cerimonia dal Vice Sindaco Leonardo Cappellini, evidenzia come si sia davanti a un'opera importante "per incrementare la mobilità sostenibile e green del territorio della Città Metropolitana di Firenze e collegare le due rive dell'Arno. Per il Comune di Lastra a Signa rappresenta un intervento strategico perchè si inserisce nei nostri progetti di implementazione dei percorsi pedociclabili che si collegheranno proprio alla passerella sviluppando ulteriormente la ciclovia dell'Arno".

Per il sindaco di Campi Bisenzio, Emiliano Fossi, “questa passerella consente alla mobilità del territorio metropolitano di fare un passo avanti decisivo sulla via della sostenibilità ambientale e della vivibilità. Sono da sempre un amante delle due ruote e grazie a questa infrastruttura diamo uno sviluppo decisivo alla Ciclovia dell’Arno che collegherà le due rive del fiume. La mobilità dolce è sempre stata al centro della nostra azione amministrativa e vedere realizzata quest’opera mi rende orgoglioso. La passerella sarà non solo una nuova via di comunicazione tra i comuni metropolitani ma anche uno straordinario percorso per coloro che vogliono godersi questi luoghi al passo lento di una pedalata o di una camminata”.

“Siamo davanti ad un momento storico per tutti i nostri territori, un’opera importante per molti Comuni, con la quale si restituisce un collegamento diretto fra i Renai, Lastra e la zona di Badia a Settimo - ha detto il sindaco di Signa Giampiero Fossi - Un lavoro che certamente guarda alla valorizzazione delle sponde dell’Arno ma si traduce anche in un ulteriore tassello da aggiungere all’ampia rete di piste ciclabili che stiamo realizzando a Signa; lavoriamo da tempo per favorire una mobilità dolce e sostenibile sul nostro territorio da affiancare ad una viabilità più fluida. Parliamo in questo caso di un’opera che unisce la zona industriale di Scandicci con San Mauro e la fascia est di Signa e, nell’ottica di una mobilità alternativa, garantisce un tracciato vantaggioso, funzionale e pienamente integrato nell’ambiente”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Sono stati degli operai a fare il macabro ritrovamento avvisando le forze dell'ordine. Oltre al teschio anche altri resti. Indaga la polizia
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Alfredo De Girolamo e Enrico Catassi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità