Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:30 METEO:FIRENZE20°36°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
mercoledì 23 giugno 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Nicola Tanturli, il momento in cui il bimbo viene portato in salvo dai carabinieri

Attualità lunedì 18 settembre 2017 ore 10:01

Un aiuto per i malati di fibromialgia

Una raccolta di firme alla sede della Giunta regionale per dare voce ai malati di fibromialgia, encefalomielite mialgica benigna e sensibilità chimica



FIRENZE — Il Comitato Fibromialgici Uniti - Italia, associazione di volontariato che lotta per il riconoscimento dei diritti degli ammalati di fibromialgia attraverso petizioni e iniziative sul territorio in tutta Italia, ha organizzato per oggi una raccolta di firme nella sede della Giunta regionale a Novoli. 

In Italia sono circa 3 milioni di soggetti, prevalentemente donne, che soffrono di una grave patologia cronica: la fibromialgia. A scatenare questa patologia sono spesso traumi psicologici o fisici. I disturbi causati dalla fibromialgia comprendono, tra gli altri: dolore alla colonna vertebrale o alle articolazioni periferiche, rigidità articolare, sindrome dell’intestino irritabile, emicrania, astenia, ansia, crisi di panico, depressione, nausea, vertigini. Tutto diventa difficile, anche alzarsi dal letto la mattina per andare a lavoro.

La compatibilità della malattia con il lavoro è, in sé, un grosso problema: per esempio, ci sono tantissime donne affette da fibromialgia che abbandonano la propria attività lavorativa perché hanno difficoltà a conciliare il lavoro con le esigenze di cura della famiglia.

"Studi recenti - scrive la referente per la Toscana Rosaria Mastronardo - hanno dimostrato che l'incidenza della malattia è in forte aumento, e sta aumentando anche la percentuale degli ammalati maschi; si stanno rilevando anche dei casi di adolescenti affetti".

La referente della Toscana precisa che "la si potrebbe definire una malattia invisibile: perché chi ne è affetto spesso continua a svolgere le proprie attività quotidiane senza far trasparire i dolori ed i malesseri che lo affliggono in ogni momento. Il fatto, poi, che non esista ancora un esame clinico che permetta di identificarla in modo definitivo contribuisce a rendere la malattia ancora più invisibile agli occhi degli altri".

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha riconosciuto già dal 1992 l’esistenza di questa sindrome, solo alcuni paesi si sono adeguati: e tra questi non figura l’Italia. Il Parlamento europeo ha invece approvato nel 2008 una dichiarazione che invitava la Commissione europea e il Consiglio a mettere a punto una strategia comunitaria per la fibromialgia, in modo che questa sindrome sia finalmente riconosciuta come una malattia.
Il comitato, il CFU-Italia (Comitato Fibromialgici Uniti), è nato nel 2016 e si batte per il riconoscimento di questa malattia: è un comitato composto da persone affette da fibromialgia, in grande maggioranza donne.

Nell'ente Regione Toscana è stata avviata un'importante campagna di sensibilizzazione che riguarda specificamente gli aspetti della fibromialgia in relazione al lavoro.

Tra altre iniziative, è stato pubblicato un opuscolo divulgativo, distribuito a tutti i dipendenti, predisposto dalla dr.ssa Ballerini dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Careggi, in collaborazione con i rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza (RLS) della Regione Toscana, con il quale si è mirato ad informare tutti i dipendenti dell'ente su sintomi, cause e cure della malattia.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Le telecamere di sorveglianza hanno ripreso il pestaggio di un uomo al Parco delle Cascine. Gli inquirenti hanno ricostruito le mosse dei rapinatori
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Salvatore Calleri

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità