QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
FIRENZE
Oggi 19°33° 
Domani 20°30° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
martedì 20 agosto 2019

Attualità venerdì 03 maggio 2019 ore 17:12

Uffizi da record con Pitti e Boboli

Aumentano le presenze ed il direttore si dice soddisfatto del piano di decentramento dei flussi turistici



FIRENZE — Le Gallerie degli Uffizi ed il Giardino di Boboli registrano un record di visitatori per il primo quadrimestre del 2019, rispetto a quello dello scorso anno, con un aumento delle presenze rispetto al 2018 anche nel periodo del 'maxi ponte', dal venerdì di Pasqua al 1 maggio.

Sembra funzionare la formula ticket dell'abbonamento Passepartout 3 Days, che consente di visitare Uffizi, Palazzo Pitti, Giardino di Boboli e Museo Archeologico Nazionale di Firenze nel giro di tre giorni al costo di 38 euro. Nel primo quadrimestre sono stati venduti 31.043 abbonamenti, equivalenti ad una crescita del 81,5% rispetto all'anno precedente.
Il direttore delle Gallerie degli Uffizi Eike Schmidt commenta: "I nostri numeri crescono ancora e ad essere sempre più frequentati sono Palazzo Pitti e il Giardino di Boboli: dunque la politica di decentramento dei nostri visitatori verso questi spazi per riequilibrare i flussi nel complesso degli Uffizi funziona e continua a dare risultati sempre più robusti".

Nei primi 4 mesi l'aumento è stato del 12,3%, con + 149.019 visitatori, pari a 1.364.430 rispetto ai 1.215.411 del 2018. La crescita riguarda in particolare Palazzo Pitti (+26,3%) e Boboli (+21,7%), con gli Uffizi in aumento al +3%.
 Nel 'maxi ponte', a confronto con l'anno 2018 si è registrato complessivamente un + 3,6%, con + 7.881 visitatori, per un totale di 231.703 rispetto ai 223.822 dello scorso anno (sale in particolare il numero delle presenze agli Uffizi, +9%).
Particolarmente buono il dato del 25 aprile, con un + 34,6%, pari a + 5191, per un totale di 20.204 presenze, a fronte dei 15.013 visitatori del 2018, ed anche il Primo maggio, con 14.828 visitatori, + 2.715 in termini numerici rispetto all'anno scorso, pari al + 22,4%.

La Pasqua merita un discorso a parte: nel 2018 il aprile coincise con la prima domenica del mese, dunque ad ingresso gratuito, e per questo motivo non può essere efficacemente raffrontata a quella dell'anno in corso, caduta in una giornata ordinaria, con ingresso a pagamento. Per questo motivo nel 2019 si sarebbe registrato il calo del 20,4% con -13.943 visitatori rispetto all'anno scorso; tuttavia, se si mette a confronto Pasqua 2019 con quella 2017, una giornata di ordinario ingresso a pagamento, prendendo come periodo di riferimento le tre giornate della festività Vigilia, Pasqua e Pasquetta, emerge un aumento complessivo del 8,9% dei visitatori: 54.546, mentre due anni fa erano stati 50.099.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Attualità

Attualità