Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 07:00 METEO:FIRENZE13°21°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
domenica 24 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Napoli, strattonata e rapinata poi viene trascinata dal ladro con l'auto

Politica venerdì 01 giugno 2018 ore 16:25

Un quasi fiorentino ministro della Giustizia

Alfondo Bonafede giura davanti al presidente Mattarella

Il nuovo guardasigilli è Alfonso Bonafede, deputato ed esponente storico del M5S, ex assistente del presidente del Consiglio Conte all'Università



ROMA — E' nato a Mazara del Vallo ma vive a Firenze da 23 anni, nel capoluogo toscano si è laureato e si è formato una famiglia. Insomma, la definizione di fiorentino di adozione gli va decisamente stretta. Stiamo parlando del deputato dei 5Stelle Alfonso Bonafede, 42 anni, avvocato civilista, il nuovo ministro della Giustizia.

Oggi pomeriggio Bonafede ha varcato la soglia del Quirinale e ha giurato fedeltà alla Costituzione davanti al presidente della Repubblica Mattarella, con voce ferma e un lieve sorriso sul volto: la strada è stata lunga per arrivare fino a lì.

Bonafede è conosciuto come un uomo cortese, alla mano, grande mediatore con il chiodo fisso della lotta alla corruzione, tema caro ai 5Stelle. E' stato lui a presentare al leader pentastellato Luigi di Maio il nuovo premier, Giuseppe Conte, docente di diritto dell'ateneo fiorentino di cui Bonafede è stato assistente. Un incontro del destino. 

Come Bonafede, neppure Conte è nato a Firenze, è foggiano, ma a questo punto una certezza c'è: Firenze ha portato fortuna a tutti e due.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Recensioni negative e paura dell'abbandono dei rifiuti, queste le reazioni sui social alla notizia delle chiavette necessarie all'uso dei cassonetti
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Riccardo Ferrucci

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità