Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:37 METEO:FIRENZE12°17°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
mercoledì 12 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Raid su Gaza distrugge edificio di 12 piani, il momento del crollo

Attualità martedì 28 gennaio 2020 ore 17:00

Giornata della memoria, la lezione di Primo Levi

Il rettore Luigi Dei e il presidente del Consiglio regionale Eugenio Giani

Seduta solenne del Consiglio regionale. Il rettore Dei ha ricordato la lotta di Levi ad Aushwitz contro la fame. Medaglia del Pegaso a Tatiana Bucci



FIRENZE — “Dovremo sempre più affrontare il problema di parlare della Memoria senza più testimoni diretti dei fatti e perciò ho provato, attraverso due dei suoi racconti, a far parlare ancora oggi, ad anni di distanza dalla sua morte, Primo Levi”.  Luigi Dei, rettore dell’Università di Firenze, ha iniziato così il suo intervento alla seduta solenne del Consiglio regionale dedicata al Giorno della Memoria. Dei ha raccontato, attraverso le parole dello scrittore che fu internato ad Auschwitz dal febbraio 1944 al 27 gennaio 1945, la lotta disperata e disperante con la fame. 

"In “Cerio” - ha spiegato Dei -  Levi, che dal novembre ‘44 in quanto chimico lavora nel laboratorio della fabbrica Buna, narra i suoi tentativi di trasformare in cibo la paraffina delle candele, in glucosio la cellulosa, in grassi la glicerina e il cerio (anzi il ferro cerio) in accendini da vendere per procurarsi delle razioni di pane. Al termine di quei due mesi di tentativi, arriva la liberazione da parte dell’esercito russo, ma “il suo compagno Alberto che lo aveva aiutato con il cerio, trasferito durante un’epidemia di scarlattina, non tornò mai più". 

"Levi a questo proposito, scrisse in “Carbonio” la frase "e di lui non resta traccia" tra le più dure della letteratura e che meglio descrive cosa fu la Shoah - ha concluso Dei - Per questo noi dobbiamo contribuire a tramandare la Memoria, perché non si perda traccia di quanto accadde”.

In occasione della seduta, il presidente del Consiglio regionale Eugenio Giani ha consegnato la medaglia del Pegaso a Tatiana Bucci, sopravvissuta ad Aushwitz, annunciando la consegna dello stesso riconoscimento anche a un'altra testimone dell'Olocausto, la senatrice Liliana Segre.

La seduta solenne si è poi conclusa con il saluto testimonianza di Tatiana Bucci, che fu internata a Birkenau all’età di sei anni. “Primo Levi dice che il primo dei problemi era la fame - ha detto Tatiana - Per me non era il primo ricordo, ma a mia madre, una notte, fu sottratto da sotto la testa un sacchetto dove conservava un piccolo brillante e le due fette di pane della razione quotidiana. Quando si accorse del furto, pianse. Non per il brillante, ma per le due fette di pane”.

Tatiana Bucci ha poi ricordato quanto accaduto al cugino Sergio, che ad Amburgo restò vittima degli esperimenti dei medici che ruotavano attorno al dottor Mengele. “Ho scoperto questa storia negli anni Ottanta e questo si deve a quanto fece un giornalista tedesco fin dagli anni Cinquanta, per far sapere quanto era accaduto”. Grazie a quel medico, ha spiegato la Bucci, “ho imparato a distinguere tra tedeschi e nazisti”. E poi ha aggiunto: “I tedeschi, grazie soprattutto alla Merkel, hanno fatto i conti con il loro passato. Noi italiani no. Noi diciamo che fu colpa dei tedeschi, ma anche noi abbiamo fatto le leggi razziali e realizzato campi di concentramento. Dobbiamo fare i conti con il passato anche noi”.

Il presidente del Consiglio regionale, Eugenio Giani, nel ringraziare gli ospiti per il loro “prezioso contributo”, ha consegnato a Luigi Dei una statuetta con il simbolo che adottò Cosimo I de’ Medici, il granduca cui si deve la nascita della Toscana moderna: la tartaruga, rappresentazione della prudenza, e la vela, rappresentazione del guardare avanti. A Tatiana Bucci, invece, ha consegnato una medaglia con il Pegaso, simbolo della Regione Toscana che fu adottato dal Comitato di Liberazione nel 1944.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Paura e rabbia tra i residenti per il raid sulle auto in sosta nel quartiere. Le vetture sono state sventrate per asportare fari e navigatori
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nadio Stronchi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità