Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:30 METEO:FIRENZE13°23°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
giovedì 23 maggio 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Trento, fischi e striscioni degli ambientalisti contro Salvini. Il ministro: «Voi volete le auto elettriche prodotte in Cina dove bruciano il carbone»

Attualità mercoledì 03 aprile 2024 ore 15:00

Allergie, in Toscana pollini già in agguato

soffione con spore al vento

Arpat monitora le concentrazioni, e il bollettino rileva alta densità per urticacee, cipressi e altre derivazioni. Ecco il punto sulle pollinosi



TOSCANA — Pollini già in agguato nella primavera della Toscana, con le allergie (pollinosi) pronte a tornare incubo dei tanti che ne soffrono. A monitorare le concentrazioni dei pollini e delle spore fungine è Arpat con bollettini settimanali basati sui campionamenti dalle stazioni collocate ad Arezzo, Firenze, Grosseto e Lido di Camaiore in Versilia.

L'ultimo bollettino di monitoraggio aerobiologico dei pollini è quello relativo alla settimana 18-24 Marzo, quando sono state rilevate concentrazioni elevate per il Cipresso a Firenze, Arezzo e Grosseto. Per il Frassino (Oleaceae) rilevate concentrazioni medio alte a Grosseto, mentre sporadici valori alti vengono segnalati per Aceraceae, Platanaceae e Salicaceae (Pioppo e Salice).

E se le Graminacee per il momento non incutono particolare preoccupazione, concentrazioni medio alte per Ortiche sono state registrate a Firenze, Grosseto e Lido con tendenza all'aumento nel fine settimana.

Che le concentrazioni di pollini derivati da cipressi, tassi e affini sia la più elevata lo si nota dalla tabella qui sotto, tratta proprio dal bollettino Arpat.

Le concentrazioni di pollini di Cupressacee e Taxacee tabella

Le concentrazioni di pollini di Cupressacee e Taxacee (Fonte: Arpat)

Notevole ma stazionaria anche la concentrazione di pollini da ortica e parietaria.

Le concentrazioni di pollini di Urticacee tabella

Le concentrazioni di pollini di Urticacee (Fonte: Arpat)

A seguire ecco i pollini rilasciati da frassini, olivi e ligustri.

Le concentrazioni di pollini di Oleacee tabella

Le concentrazioni di pollini di Oleacee (Fonte: Arpat)

L'allergia ai pollini

Si chiama pollinosi e rappresenta una delle più tipiche malattie allergiche, innescata dall'inalazione di pollini trasportati in aria anche a distanze notevoli dai luoghi di partenza. Lo spiega Arpat nella sua pagina dedicata proprio a questa materia.

Naso che cola, occhi gonfi, difficoltà a respirare sono i sintomi più comuni ed afflittivi delle allergie che iniziano ad insorgere prima della primavera, poi a primavera e in autunno a seconda dei cicli di rilascio dei pollini delle piante. Eccoli secondo la scansione Arpat.

  • allergie precoci, preprimaverili da alberi: Cupressacee, Betullacee e Corylacee
  • allergie primaverili o primaverili estive da Graminacee, Parietaria, Oleacee
  • allergie estivo-autunnali da pollini di Composite

"L'insorgenza delle pollinosi tipiche del periodo inverno-primavera il maggior contributo è dato dalle piante arboree con i pollini di Betulla (specie nel Nord Italia), Nocciolo e Cipresso", scrive Arpat.

Ancora: "Le pollinosi classiche (febbre da fieno) sono dovute principalmente alle piante erbacee come le Graminacee che comprendono numerosi generi con alto potere allergizzante e le Composite (Artemisia e Ambrosia)".

"La diagnosi di pollinosi può essere fatta mediante le classiche prove allergologiche o, nei casi dubbi, mediante un esame del sangue", spiegano gli esperti.

Ma attenzione perché le allergie da pollini si possono sovrapporre a quelle alimentari (cross reattività). Ecco gli abbinamenti più comuni, sempre declinati dagli studiosi dell'Agenzia regionale.

  • Betulla, Ontano, Nocciolo, Carpini con: mela, pera, pesca, albicocca, prugna, ciliegia, nocciola, noce, mandorla, nespola, arachide, lampone
  • Graminaceae con: frumento, melone, anguria, pomodoro, arachide, pesca, ciliegia, albicocca, prugna, mandorla, kiwi, agrumi
  • Parietaria con: basilico, ortica, melone, ciligia, pisello.

Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno