Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 09:19 METEO:FIRENZE21°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
martedì 19 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Elezioni comunali, il Pd ha vinto ma la battaglia per le Politiche sarà diversa

Attualità lunedì 02 agosto 2021 ore 15:11

Nuovo ponte tra le Signe pronto nel 2026

La presentazione del progetto
La presentazione del progetto

Ci siamo, ecco il progetto di nuova infrastrutturazione destinato a cambiare il volto della circolazione nell'intera Piana fiorentina



SIGNA — Le Signe pronte alla rivoluzione viabilità che arriverà con la realizzazione del nuovo ponte e la rimodulazione complessiva degli assetti infrastrutturali che cambieranno il volto della circolazione nell'intera Piana fiorentina, con fine lavori prevista per il 2026. Il progetto è stato presentato stamani.

La nuova strada extraurbana tra Signa e Lastra a Signa, con attraversamento dell’Arno e della ferrovia, migliorerà la sicurezza della circolazione e la fluidità in un bacino caratterizzato da intensi flussi di traffico, consentendo di potenziare la rete delle infrastrutture presenti sul territorio, migliorandone l’accessibilità e garantendo quindi una condizione necessaria per lo sviluppo, ma anche una diversa sostenibilità rispetto alla situazione attuale.

Il nuovo collegamento viario si configura come un nuovo asse di penetrazione extraurbana tra la rete stradale principale, rappresentata dalla Strada di Grande Comunicazione Firenze-Pisa-Livorno, e l'area urbana del Comune di Signa.

Infatti, a valle del Ponte all’Indiano e sino al Ponte a Signa, tra gli abitati di Lastra a Signa e Signa, non esistono collegamenti alternativi tra rive sinistra e destra dell’Arno: per questo motivo, il ponte a Signa ha assunto negli anni caratteristiche di viabilità sovra-comunale, diventando l’unica possibilità, in prossimità della città di Firenze, di collegamento tra le due rive dell’Arno.

Proprio dall’inadeguatezza della struttura del ponte e della viabilità locale a ricevere le attuali richieste di traffico veicolare, è nata la necessità di realizzare un nuovo tracciato stradale. Il progetto si trova nella fase di progettazione definitiva che si concluderà nel giugno del prossimo anno e, sempre nel 2022, verrà portata a termine la progettazione esecutiva, in modo da far partire le procedure di gara all’inizio del 2023 per poter dare avvio ai lavori nel gennaio del 2024.

Secondo il cronoprogramma, i lavori di costruzione di strada e ponte termineranno nel 2026. Il progetto la realizzazione di una nuova strada extraurbana di competenza regionale compresa fra la Fipili nel Comune di Lastra a Signa e via Arte della Paglia nel Comune di Signa, per uno sviluppo complessivo di 2.750 metri, di cui 900 in viadotto con un nuovo ponte sull’Arno.

Sono inoltre previsti: la realizzazione di tre 3 nuove rotatorie (‘Lastra’, ‘San Colombano’, ‘Renai’); un nuovo percorso ciclo-pedonale di collegamento tra il Parco fluviale di Lastra a Signa in riva sinistra del fiume Arno e il Parco dei Renai (viale dell'Arte della Paglia in sinistra del fiume Bisenzio); nuovi rami di collegamento tra le viabilità esistenti in Comune di Signa e in Comune di Lastra a Signa in corrispondenza delle due nuove rotatorie di Lastra e San Colombano; un nuovo collegamento tra la nuova rotatoria ‘Renai’ e la via dei Renai (interna al Parco) e infine la realizzazione di una cassa di espansione per la tutela dal rischio idraulico (“San Colombano 2”), collocata interamente nel Comune di Lastra a Signa, in riva sinistra dell’Arno.

Quando l'opera sarà ultimata i residenti vedranno i volumi di traffico decongestionarsi e la loro qualità della vita migliorata. Il nuovo tracciato fornirà inoltre un’alternativa allo spostamento tra i due centri abitati di Signa e Lastra a Signa, consentendo di rendere più fluido il traffico locale, con miglioramento delle condizioni ambientali, sia in temini di inquinamento atmosferico che acustico.

Non meno importanti saranno gli effetti di riduzione del rischio idraulico per la zona, sia per quanto riguarda le piene dell’Arno che per gli allagamenti derivanti dalle acque basse.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Vigili del fuoco al lavoro fino a notte fonda per domare l'incendio. Una persona assistita dal personale sanitario del 118
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Cronaca

CORONAVIRUS