Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 10:58 METEO:FIRENZE19°34°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
giovedì 30 giugno 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Mykolaiv, il missile piomba sul palazzo e distrugge tutto: morti e feriti

Attualità mercoledì 15 aprile 2015 ore 13:56

Seicentomila euro per i danni della bufera

Il Consiglio metropolitano ha stanziato 275 mila euro per riparare le strade danneggiate dal vento il 5 marzo. La stessa cifra toccherà alle scuole



FIRENZE — Per rimettere in sesto le strade e le scuole della provincia di Firenze danneggiate dalla bufera di vento del 5 marzo scorso la Città metropolitana ha licenziato una serie di delibere, che mettono sul piatto circa seicentomila euro.

La prima tranche è già stata approvata dal Consiglio e riguarda le strade: 257 mila euro per riparare la Brisighellese-Ravennate, la Sp 306 Casolana-Riolese, la Sp 20 Modiglianese, sulla Sr 65 della Futa, la Sp 503 del Giogo e la Sp 8 Militare per Barberino.

La Commissione affari generali, intanto, ha iniziato le pratiche per riconoscimento di spesa per i danni subiti dagli edifici, soprattutto scolastici. Sia va dall'istituto Vasari, a quello di Porta Romana, al Castelnuovo, al Meucci, al Galileo, al Dante, al Michelangiolo, all'istituto agrario, a al Calamandrei, oltre all'istituto d'arte per la Ceramica.

Importo complessivo: 340 mila euro.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
La cassetta piena di attrezzi si è frantumata su una via del centro storico. L'incidente è stato segnalato dai passanti, soprattutto turisti
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Alfredo De Girolamo e Enrico Catassi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

STOP DEGRADO

Attualità

Attualità

Cronaca