Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:05 METEO:FIRENZE13°19°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
martedì 18 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Coprifuoco, riaperture e cambi di zone: le novità del nuovo decreto

Attualità giovedì 04 febbraio 2021 ore 08:48

"Scandicci sarà anche un po’ la mia città"

​Liliana Segre ha scritto ai concittadini per ringraziarli dopo aver ricevuto la cittadinanza onoraria decisa all’unanimità dal Consiglio Comunale



SCANDICCI — Una lettera di ringraziamento firmata Liliana Segre è stata recapitata ai cittadini di Scandicci per ringraziarli della cittadinanza onoraria ricevuta lo scorso anno a seguito di un voto unanime del Consiglio Comunale.

“Cari cittadini, care cittadine di Scandicci, è un onore per me ricevere la cittadinanza onoraria della vostra città che dunque da oggi sarà anche un po’ mia. Ringrazio voi tutti e il Consiglio Comunale per questa onorificenza che istituisce fra noi un vincolo sentimentale oltre che democratico e civico” sono le parole della senatrice.

“Purtroppo ragioni di età, di salute e di sicurezza mi impediscono di essere presente in città come vorrei”, è scritto nella risposta di ringraziamento di Liliana Segre, “ma ci tengo a condividere con voi i sentimenti democratici e antifascisti, ma anche di accoglienza e solidarietà, che storicamente sono appannaggio della terra toscana. Certa che la condivisione della cittadinanza renderà più saldi i nostri valori e i nostri principi, auguro alla vostra, anzi nostra, comunità un futuro di prosperità e di progresso morale e civile. Dopo le dure esperienze che in questi mesi abbiamo dovuto affrontare e in una situazione ancora tanto difficile, ne abbiamo tutti bisogno. Grazie di nuovo a voi tutti, Liliana Segre”.

Il Consiglio ha disposto l'onorificenza perché "è una delle principali testimoni dell’Olocausto perpetrato dai nazifascisti, essendo stata internata al campo di concentramento di Birkenau - Auschwitz il 30 Gennaio 1944 ed è una degli unici 25 bambini italiani su 776 ad essere sopravvissuta all’internamento, è da sempre attivamente impegnata per non far dimenticare quegli eventi terribili, e la sua voce si è diffusa con forza ovunque, nelle scuole, nei luoghi di lavoro, nella società così come nei luoghi di cultura nei quali porta la propria testimonianza di ex deportata, nella diffusione della cultura della Memoria di cui è testimone importantissima”.

Il conferimento della cittadinanza onoraria è stato comunicato con una lettera della presidente del Consiglio Comunale Loretta Lazzeri e del sindaco Sandro Fallani alla senatrice Segre.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
E' stato denunciato l'occupante abusivo che aveva preso dimora nello stabile comunale nell'acquedotto realizzato ai tempi di Firenze capitale
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità