Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 15:03 METEO:FIRENZE10°  QuiNews.net
Qui News firenze, Cronaca, Sport, Notizie Locali firenze
giovedì 27 gennaio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Di Maio: «Non giochiamo a bruciare i nomi»

Sport sabato 13 novembre 2021 ore 17:00

L'Argentina supera l'Italia

Pur incoraggiata dai tanti tifosi, per tutta la partita l’Italrugby ha subito la squadra avversaria sia fisicamente che mentalmente. Toscani in ombra



TREVISO — Quando Pablo Matera scaglia l’ovale fuori dal terreno di gioco e sancisce così la fine della partita tra Italia e Argentina qualcuno a Buenos Aires fa ancora colazione davanti a due gigantesche medialunas che vengono fotografate ed inviate per whatsapp, seguite poco dopo dallo screenshot di una pagina della versione online di El Clarin. “Los Pumas vencieron a Italia”, dice il titolo.

L’amico portégno ha ragione, a Treviso gli Argentini hanno vinto superando gli Azzurri per 37 a 16, segnando cinque mete ed interrompendo una striscia di sette sconfitte consecutive.

E mentre in Argentina tirano un sospiro di sollievo e guardano già al loro prossimo impegno in terra europea in quel di Dublino con l’Irlanda (che oggi, udite udite, ha battuto niente meno che gli All Blacks!), in Italia i ragazzi dell’head-coach Kieran Crowley si leccano le ferite, ridimensionati nelle aspettative alimentate dalla prestazione della scorsa settimana all’Olimpico con gli All Blacks, a tratti più che decente.

Contro l'Italia l’Argentina ha giocato un rugby essenziale senza sbagliare quasi niente ed ha fatto la differenza con il gioco al piede e con il gioco aereo, che ha mandato in crisi gli Azzurri ed ha propiziato tre delle cinque mete dei Pumas.

Kieran Crowley l’ha sottolineato in conferenza stampa.

Ci hanno dominato nel gioco aereo e noi dobbiamo ammetterlo. Se analizziamo il nostro approccio, contro gli All Blacks i ragazzi hanno giocato senza la pressione che invece oggi era evidente e proprio la gestione della pressione è indubbiamente un elemento su cui dobbiamo crescere in fretta. Non credo che oggi con l’Argentina ci sia stato un gap fisico ma per il futuro dal punto di vista mentale molte cose vanno analizzate e sistemate, così come certamente la nostra gestione del gioco al piede deve essere diversa sia quando lo usiamo che quando lo subiamo”.

Il livornese Gianmarco Lucchesi non ha brillato e forse l’ex capitano Luca Bigi, anche oggi partito dalla panchina, merita una chance per vestire la maglia numero 2 nella prossima partita con l’Uruguay.

Anche Niccolò Cannone non è stato brillante e Federico Mori, entrato al posto di Minozzi al quindicesimo minuto del secondo tempo, non ha avuto molte occasioni per mettersi in mostra, visto anche il gran lavoro dei Pumas sul breakdown.

Si è fatto male il pilone e pedina importante dell’Italia e dei Saracens Marco Riccioni, che ha dovuto abbandonare il terreno di gioco in barella e con una borsa del ghiaccio sul ginocchio sinistro. Speriamo bene.

Tra una settimana l’Italia è attesa a Parma per il terzo ed ultimo incontro delle Autumn Nations Series, quello con l’Uruguay, che domani verrà “saggiato” dalla nostra Italia A sul campo di Padova.

Nella formazione italiana ci sarà tanta Toscana. La famiglia Cannone potrà mettersi nuovamente in evidenza con il giovane Lorenzo mentre partiranno dalla panchina due piloni toscani, il pratese Paolo Buonfiglio e l’elbano Ion Neculai.

Treviso - Stadio Comunale di Monigo

Italia vs Argentina 16-37 (6-17)

Marcatori: p.t. 10’ m. Kremer, r. Boffelli (0-7); 15’ cp Boffelli (0-10); 28’ m Gonzalez, t. Boffelli (0-17); 32’ cp Garbisi (3-17); 40’ cp Garbisi (6-17). s.t. 42’ m. Moroni, t. Boffelli (6-24); 47’ m. Varney, t. Garbisi (13-24); 50’ cp Garbisi (16-24); 54’ m. Cordero, nt (16-29); 63’ cp Boffelli (16-32); 76’ m. Bosch, nt (16-37)

Italia: Minozzi (15’ st. Mori); Padovani, Brex, Morisi, Ioane; Garbisi, Varney (30’ st. Fusco); Licata (8’ st. Ruzza), Lamaro (cap), Negri (15’ st. Pettinelli); Sisi (8’ st. Fuser), Cannone N.; Riccioni (10’ st. Ceccarelli), Lucchesi (24’ st. Bigi), Nemer (8’ st. Fischetti)
Head Coach K. Crowley

Argentina: Boffelli; Cordero S., Moroni, De La Fuente (30’ st. Cinti), Carreras M.; Carreras S. (20’ st. Sanchez), Cubelli (25’ st. Bertranou); Isa (10’ st. Grondona), Gonzalez, Matera; Lavanini (25’ st. Paulos), Kremer; Gomez-Kodela (15’ st. Medrano), Montoya (30’ st. Bosch), Gallo (20’ st. Calles)
Head Coach M.Ledesma

Arbitro: James Doleman (Nuova Zelanda)
Player of the Match: Boffelli (ARG)

Marco Burchi
© Riproduzione riservata


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Terminata la realizzazione delle travi di fondazione con i pali posizionati in verticale, a seguire la realizzazione dell’armatura per i pilastri
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Attualità

Cronaca